titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

title

foto

Prof.Michele De Bonis

Specialista in Cardiochirurgia

 

Curriculum:






Verifica Esperto con FnomCeo

 


 

Sede Professionale:

Professore Associato di Cardiochirurgia presso l’Università “Vita e Salute” San Raffaele di Milano.


Primario di Cardiochirurgia delle tecniche avanzate e di ricerca, Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare - Unità Operativa di Cardiochirurgia, Ospedale Universitario San Raffaele, Milano.


Direttore della scuola di specializzazione in Cardiochirurgia

 

Ruoli ed incarichi a livello nazionale ed internazionale:

Nel corso degli anni, e con maggiore intensità a partire dal 2009, ha ricoperto importanti ruoli operativi a livello nazionale e soprattutto internazionale nell’ambito della European Association for Cardiothoracic Surgery, European Society of Cardiology, American Heart Association e Società Italiana di Cardiochirurgia.

L’intensa attività organizzativa e scientifica svolta, gli hanno consentito di raggiungere posizioni anche apicali all’interno di tali organizzazioni quali la Presidenza (Chairmanship) del Working Group on Cardiovascular Surgery della European Society of Cardiology ed il ruolo di “Referente” (liaison) per l’Europa della Leadership Committee Commission of Council on Cardiovascular Surgery and Anesthesia dell’American Heart Association.


Tra gli altri incarichi si ricordano i seguenti:

-      Fellow della European Society of Cardiology (FESC)

-    Membro della Task Force Europea per le Linee Guida sulle patologie valvolari cardiache della European Society of Cardiology e European Association for Cardiothoracic Surgery (Versione 2012)

-    Co-referente del Comitato per “Linee guida e position papers” e membro del comitato per i rapporti con la European Association for Cardiothoracic Surgery della Società Italiana di Cardiochirurgia

-      Membro dell’“Acquired Cardiac Disease Domain” della European Association for Cardiothoracic Surgery

-      Membro del Nucleus del Working Group for Cardiovascular Surgery della European Society of Cardiology

-      Segretario del Nucleus del Working Group for Cardiovascular Surgery della European Society of Cardiology (2010-2014)

-    Membro della Oversight Committee della European Society of Cardiology per il programma “Awareness in Mitral Regurgitation” (2016-present)

-          Membro della “European Association for Cardiothoracic Surgery”

-          Membro dell’American Heart Association

-          Membro della European Society of Cardiology

-          Membro della Società Italiana di Cardiochirurgia

 

Istruzione e formazione

- Laurea in Medicina e Chirurgia, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma

- United States Medical Licensing Examination (USMLE) Certification

- “Full registration” at the General Medical Council of United Kingdom

- Full time fellowship presso la European Homograft Bank, Bruxelles

- Postgraduate Fellowships presso:

- Dipartimento di Chirurgia Cardiovascolare e Toracica,   Onze Lieve

  Vrouw Clinic, Aalst, Belgium .

- Dipartimento di Cardiochirurgia, Brugmann University Hospital e  

  Queen Fabiola University Hospital for Children, Bruxelles, Belgium

- Specialist Registrar in Cardiothoracic Surgery, St. George’s University Hospital,

Londra

- Specializzazione in Cardiochirurgia, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma

- Fellowship sui sistemi di supporto meccanico al circolo, German Heart Institute, Berlino

 

Attività operatoria

Ampia esperienza su tutti gli aspetti della cardiochirurgia dell’adulto. La chirurgia riparativa della valvola mitrale e della valvola tricuspide, spesso nel contesto di chirurgia plurivalvolare, e l’impianto di sistemi di assistenza ventricolare a lungo termine come “destination therapy” rappresentano aree di particolare specializzazione.

 

Attività scientifica

E’ autore o co-autore di oltre 140 pubblicazioni, 14 capitoli in testi di cardiochirurgia e co-editore di un libro sulla tecnica Edge-to-edge per la riparazione mitralica. Intensa attività congressuale soprattutto in ambito internazionale con circa 180 presentazioni delle quali 70 su invito.

 

 


 

title

Argomento:

stenosi aortica

 

Domanda:

buongiorno Professore, mio papa' ha 80 anni e gli e' stata diagnosticata una stenosi aortica severa ( diametro 0,8) e si vorrebbe procedere con una sostituzione. Mio papa' e' asintomatico e debole di costituzione, per tanto siamo preoccupati per l'intervento. I medici ci dicono che si tratta di operazione di routine, ma credo tale intervento comporti un' anestesia generale, che mi preoccupa vista l' eta'. Dovrebbe essere operato al policlinico di Pavia ma vorrei una seconda opinione. La ringrazio dei suoi preziosi consigli.

 

Risposta:

Gentile signora la ringrazio molto per la sua domanda a cui non è semplice rispondere via mail. In presenza di stenosi aortica severa il trattamento del vizio valvolare è indicato anche in pazienti asintomatici quando è presente una disfunzione della capacità contrattile del ventricolo sinistro, o quando un test da sforzo slatentizzi sintomi apparentemente assenti o causi una caduta della pressione arteriosa. Anche un grado estremo di stenosi, gravi calcificazioni valvolari, ipertensione polmonare severa e aumenti importanti di markers ematici come il BNP indicano la necessità di intervenire pur in assenza di sintomi. Nel tentativo di riassumere un argomento complesso è possibile dire che in molti casi, se la stenosi aortica è davvero severa, il trattamento difficilmente può essere procrastinato a lungo e spesso è necessario intervenire. A seconda poi delle condizioni generali del paziente (che nello specifico ha 80 anni) e quindi del rischio complessivo che presenta, è necessario discutere in sede di Heart Team se la soluzione chirurgica o un approccio transcatetere rappresenti la soluzione più adeguata avendo entrambe aspetti positivi e svantaggi. Augurandomi di esserle stata di aiuto pur con le poche informazioni a mia disposizione, la saluto cordialmente Michele De Bonis

 

Ha risposto: Prof.Michele De Bonis

 

 

title

25.05.2018

Prevenzione Primaria nella Donna con Cardioaspirina.

Risponde: Prof.Michele De Bonis

20.05.2018

Operare sì o no?!

Risponde: Prof.Michele De Bonis

29.03.2018

Utilizzo cardioaspirina

Risponde: Prof.Michele De Bonis

16.02.2018

ARITMIE

Risponde: Prof.Michele De Bonis

26.12.2017

Riparazione valvola aorta

Risponde: Prof.Michele De Bonis

02.08.2017

Insufficienza aortica e vasodilatatori

Risponde: Prof.Michele De Bonis

09.04.2017

Pfo e trombifilia genetica

Risponde: Prof.Michele De Bonis

05.04.2017

cardiopalmo

Risponde: Prof.Michele De Bonis

25.02.2017

Mitraclip

Risponde: Prof.Michele De Bonis

12.02.2017

insufficenza mitralica e tricuspidale

Risponde: Prof.Michele De Bonis

 

 

 

img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

close

 

 

title

 

Pubblicato il: 16.06.2018

visita specialistica

Esperto: Dr. Michelangelo Scardone

 

Pubblicato il: 14.06.2018

ipertensione

Esperto: Dr. Rocco Contuzzi

 

Pubblicato il: 09.06.2018

fibrillazione atriale

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

Pubblicato il: 02.06.2018

stenosi aortica

Esperto: Prof.Michele De Bonis

 

Pubblicato il: 27.05.2018

Prevenzione Primaria Cardioaspirina.

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Privacy Policy