titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

title

foto

Dr. Quintino Parisi

Specialista in Cardiologia

 

Curriculum:



 


 

Verifica Esperto con FnomCeo


Perfezionato in

Aritmologia e Cardiostimolazione


Sede Professionale

Esercita  come Dirigente Medico di I° livello presso il Dipartimento di Malattie Cardiovascolari della Fondazione di Ricerca e Cura “Giovanni Paolo II” – Campobasso, già Centro di Ricerca e Formazione ad Alta Tecnologia nelle Scienze Biomediche “Giovanni Paolo II”, Università Cattolica del Sacro Cuore

 

Formazione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1998  presso Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma

Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi della Provincia di Lecce

 

Specializzato in Cardiologia nel 2004 presso Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma  


Consegue nel 2008 il titolo di Dottore di Ricerca in “Fisiopatologia dello Scompenso Cardiaco”

presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma

 

Presidente regionale (Molise - Abruzzo) Associazione italiana Aritmologia e Cardiostimolazione

 

Attività professionali principalmente svolte

 

Laboratorio di Elettrofisiologia e Cardiostimolazione

 

Procedure effettuate come primo operatore

 

- studi elettrofisiologici endocavitari

 

- ablazioni transcatetere con radiofrequenza di tachicardie sopraventricolari da rientro nodale e da via accessoria, flutter atriale tipico, tachicardie atriali focali, flutter atriali atipici,  fibrillazione atriale, tachicardie ventricolari focali e da rientro; le procedure ablative di aritmie complesse vengono effettuate mediante l’ausilio di un sistema di mappaggio elettroanatomico (St Jude Medical EnSite NavX/ EnSite Array non - contact)

 

- impianti e sostituzioni di pacemaker e defibrillatori automatici impiantabili monocamerali/bicamerali/biventricolari

 

- estrazioni  endocardici di pacemaker e di defibrillatori automatici impiantabili monocamerali/bicamerali/biventricolari, anche mediante metodica laser;

 

-          head-up tilt test

 

-          cardioversioni elettriche esterne

 

 


.

 

 

 

 

 


 

title

Argomento:

WOLF PARKINSON WHITE

 

Domanda:

Salve Dottore, Sono un ragazzo di 21 anni . Sette anni fa sono stato sottoposto ad ablazione al San donato Milanese . Sono stato sempre asintomatico ma per mia sicurezza io e il cardiologo abbiamo deciso di fare quest ablazione . Post ablazione il referto dice. In condizioni basali presenza di ritmo sinusale condotto ai ventricoli con preeccotazione ventricolare intermittente. Intervallo P-delta 126 ms. In presenza di BBDX meccanico , persistenza della preeccotazione ventricolare . Durante stimlaizione ventricolare asincrona dalla base del ventricolo destro , si osserva retrocunduzione concentrica decrementale fino a ciclo 520 ms quindi comparsa di dissocione VA. Durante stimolazione attiale da seno coronarico , a diversi cicli drive, si rileva ateroconduzione con preeccotazione sempre intermittente con solo alcuni battiti preeccitati consecutivi che non consentono di eseguiti una stimolazione decrementale . La variazione della sede del pacing ( distale e prossimale ) non si accompagna a variazione del grado della preecctazione . Durante preecctiazione mai chiaro riscontro di intervallo HV negativo . Mediante catetere ablatore si effettua mappaggio dell anello tricuspidale. Si osserva massimo anticipo dell elettro gramma ventricolare locale rispetto all’ onset dell onda delta sul QRS di superficie ( circa 15 ms ) in sede antero settale. In tale sede si procede ad erogazione di RF ( totale 5 RF, 60 sec , 20W, 55 gradi ) orrendo blocco solo transitorio della preecctizione ventricolare . Dopo infusione di isoprenalina si osserva una transitoria fase di preeccitazione fissa della durata di circa 60 sec. La stimolazione attiale decrementale mostra la presenza di un grado fisso di preeccitzione ventricolare con intervallo HV 0 e graduale allungamento dell intervallo S-delta. Si osservano di seguito , alcuni battiti giunzionali Preeccitati . S induce fibrillazione attiale con intervallo RR preeccitati minimo maggiore di 250 ms. al termine normale parametri di conduzione AV. Sulla base di ciò sono passati 7 anni con continui controlli periodici holter , eco e prova da sforzo e si è sempre riscontrato questa preeccitazione discontinua . Ma mi hanno sempre lasciato idoneità agonistica . Ieri con l’ultima visita si è ripresentata la classica preeccitazione discontinua . C’è da preoccuparsi ? Anche perché ho sempre avuto extrasistoli e sono preoccupato un po’ visto che sono un ragazzo che fa sport quasi tutti i giorni. Questi battiti preeccitati possono passare da discontinui a continui ? Grazie in anticipo per La risposta

 

Risposta:

Buonasera. Il risultato dello studio elettrofisiologico mi sembra tranquillizzante. Il fascio accessorio nel tuo caso non ha spiccate capacità di conduzione elettrica dell’impulso, per cui è assolutamente poco probabile che possa essere in grado di scatenare tachicardie. Comunque le sue caratteristiche non lo fanno classificare come a rischio di aritmie potenzialmente pericolose. Tra l’altro, col passare del tempo, le sue capacità conduttive dovrebbero addirittura ridursi. Al momento, pertanto, data la completa assenza di sintomi tipo tachicardia e la localizzazione del fascio accessorio (vicino al normale sistema di conduzione cardiaca) che renderebbe l’ablazione particolarmente a rischio di ledere delle strutture importanti per la normale conduzione elettrica cardiaca, ritengo che non si debba fare null’altro. Cordialmente, Quintino Parisi

 

Ha risposto: Dr. Quintino Parisi

 

 

title

17.10.2018

Qtc lungo

Risponde: Dr. Quintino Parisi

06.10.2018

sindrome di brugada

Risponde: Dr. Quintino Parisi

18.07.2018

Battiti cuore

Risponde: Dr. Quintino Parisi

12.04.2018

Morte improvvisa familiare

Risponde: Dr. Quintino Parisi

25.03.2018

mitralclip4

Risponde: Dr. Quintino Parisi

12.03.2018

Extrasistole

Risponde: Dr. Quintino Parisi

10.03.2018

Extrasistole

Risponde: Dr. Quintino Parisi

31.01.2018

Extrasistolia

Risponde: Dr. Quintino Parisi

13.01.2018

Extrasistole

Risponde: Dr. Quintino Parisi

01.12.2017

Bradicardia 52 max 60

Risponde: Dr. Quintino Parisi

 

 

 

img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

close

 

 

title

 

Pubblicato il: 02.12.2018

Portatore di Paceaker per blocco atrio-ventricolare completo e fasi di BAV di II grado tipo 2

Esperto: Dr. Celestino Sardu

 

Pubblicato il: 17.10.2018

Qtc lungo

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

Pubblicato il: 06.10.2018

sindrome di brugada

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

Pubblicato il: 14.09.2018

WOLF PARKINSON WHITE

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

Pubblicato il: 16.08.2018

Capogiro

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Privacy Policy