titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

Sei in: Area divulgativa/Cardiologia

 

Cardiologia

La menopausa precoce aumenta il rischio di insufficienza cardiaca

 

 

 

 

 

 

 

Le donne che vanno in menopausa tra i 40 e i 45 anni hanno un tasso più elevato di scompenso cardiaco, specie se fumatrici o ex fumatrici.

Un nuovo studio pubblicato su Menopause, la rivista della North American Menopause Society (NAMS), le donne che vanno in menopausa precoce – tra i 40 e i 45 anni – hanno un tasso più elevato di casi di scompenso cardiaco, o insufficienza cardiaca. Se poi la donna, in passato o allo stato attuale fuma, il tasso d’incidenza sale ancora di più.

Già precedenti ricerche avevano indicato una relazione tra la menopausa precoce e le malattie cardiache come, per esempio, l’aterosclerosi. Oggi, però, un nuovo studio a cura del Karolinska Institutet di Stoccolma, in Svezia, è il primo a dimostrare un legame tra la menopausa precoce e l’insufficienza cardiaca.
Lo scompenso cardiaco, o insufficienza cardiaca, è l’incapacità del cuore di pompare sangue a sufficienza per soddisfare le esigenze del corpo. Ed è un problema che si può rivelare mortale.

Lo studio, condotto su larga scala con il coinvolgimento di oltre 22mila donne in post-menopausa, ha esaminato gli effetti a lungo termine della menopausa precoce analizzando i dati dello “Swedish National Patient Register”, che raccoglie quasi tutti i ricoveri, gli interventi e diagnosi ambulatoriali della Svezia; i registri delle cause di morte e le indagini sanitarie di circa 90.000 donne svedesi che fanno parte dello “Swedish Mammography Cohort”.
L’analisi dei dati ha permesso di rilevare che le donne che andavano naturalmente in menopausa precoce avevano un tasso di scompenso cardiaco del 40% superiore. Questo, rispetto alle donne che sono andate in menopausa in un’età compresa tra i 50 e i 54 – tenendo conto che la media è di 51 anni. Per ogni aumento di un anno di età alla menopausa, la frequenza di insufficienza cardiaca si riduceva del 2%.

A incidere sul rischio di menopausa precoce pare ci sia il vizio del fumo: le ricerche hanno infatti evidenziato come chi fuma arrivi in media alla menopausa un anno prima rispetto ai non-fumatori. Tuttavia, questo fatto non spiega il collegamento con l’insufficienza cardiaca. I ricercatori hanno infatti scoperto che anche le donne che non fumavano più, ma che avevano fumato in passato, erano anch’esse soggette a un aumento della frequenza di insufficienza cardiaca con la menopausa precoce. In più, le donne che fumavano, anche se avevano smesso prima, avevano un più alto rischio di insufficienza cardiaca quando andassero in menopausa tra i 46 e i 49 anni.

«La menopausa, precoce o tardiva, è sempre un buon momento per prendere maggiori misure per ridurre il rischio di malattie cardiache attraverso l’esercizio, una dieta sana, la perdita di peso e lo smettere di fumare – spiega il direttore esecutivo NAMS, dott.ssa Margery Gass – Questo stimolante studio dovrebbe incoraggiare ulteriori ricerche per scoprire come la menopausa precoce e l’insufficienza cardiaca siano collegate».
«E questi fattori che causano l’infarto sono anche causa di insufficienza ovarica?», si domanda a conclusione la dott.ssa Gass.

 

 

 

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Cardiologia

22.12.2014

SOS cardiopatie: ne soffrono anche i giovani

Autore: Dr. Mauro Di Marino

25.04.2014

Fibrillazione Atriale : Le armi efficaci che possono limitare il rischio di ictus

Autore: Dr. Mauro Di Marino

23.06.2013

L' infarto del miocardico

Autore: Dr. Luigi Di Martino

12.08.2015

I farmaci antiaritmici

Autore: Dr. Mauro Di Marino

03.07.2013

Cardiopatia Ischemica

Autore: Dr. Mauro Di Marino

07.04.2014

Fibrillazione atriale, ora nuovi anticoagulanti orali

Autore: Dr. Mauro Di Marino

04.01.2018

Tachicardia ventricolare: arriva la ‘radioterapia’ esterna che cancella le aritmie

Autore: Dr. Mauro Di Marino

07.03.2015

Sintomi mal interpretati

Autore: Dr. Mauro Di Marino

20.03.2016

Fibrillazione atriale: è l'operatore che fa la differenza !

Autore: Dr. Mauro Di Marino

17.02.2014

Cardiologia: un micro trasmettitore per seguire il paziente a distanza

Autore: Dr. Mauro Di Marino

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

12.01.2018

Aritmia

Esperto: Dr.Matteo Santamaria

 

18.12.2017

extra-sistole

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

10.12.2017

crioablazione

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

05.12.2017

fibrillazione atriale parossistica

Esperto: Dr.Matteo Santamaria

 

01.12.2017

Bradicardia 52 max 60

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Informativa sulla privacy