titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Cardiologia

 

Cardiologia

Cattive condizioni di salute cardiovascolare sono legate a cattiva memoria e deficit di apprendimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il rischio di sviluppare un decadimento cognitivo, in particolare problemi di apprendimento e problemi di memoria, è significativamente maggiore per le persone con cattiva salute cardiovascolare scarsa rispetto alle persone che godono di una salute cardiovascolare intermedio o buona.

E’ quanto appare in uno studio pubblicato sul Journal of American Heart Association. La salute cardiovascolare svolge dunque un ruolo critico nella salute del cervello, con diversi fattori di rischio cardiovascolare che influenzano il rischio di declino cognitivo. Lo studio ha coinvolto 17.761 persone di 45 anni e più, con una normale funzione cognitiva e nessuna storia di ictus.

La loro funzione mentale è stata valutata poi quattro anni più tardi. La popolazione studiata comprendeva: uomini 45%, donne 55%, neri 42 %, bianchi 58%. Il sistema utilizzato “ Life's Simple 7” è un nuovo sistema per misurare i benefici di comportamenti salutari e fattori di rischio nella salute cardiovascolare, come fumo, dieta, attività fisica, indice di massa corporea, pressione arteriosa, colesterolo totale e glicemia a digiuno. Si classifica ciascuno dei sette fattori di salute del cuore come povero, intermedio o ideale.

Dopo la contabilizzazione di differenze di età, sesso, razza e istruzione, i ricercatori hanno identificato un deficit cognitivo in:      4,6 % delle persone con le peggiori punteggi di salute cardiovascolare;      2,7% di quelli con profili sanitari intermedi;        2,6% di quelli nella categoria con miglior salute cardiovascolare.   I punteggi di salute cardiovascolare più alti erano più comuni nelle persone con istruzione superiore, reddito più alto. "Una salute cardiovascolare ottimale o intermedia favorisce una migliore funzione cognitiva", ha detto il ricercatore Evan L. Thacker, Ph.D., professore assistente ed epidemiologo alla Brigham Young University di Provo, Utah. "Questo è un messaggio incoraggiante perché la salute cardiovascolare intermedio è un obiettivo più realistico per molte persone rispetto alla salute cardiovascolare ideale". 

 

 

 

.

 

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Cardiologia

10.03.2014

Chiusura percutanea dell’auricola

Autore: Dr. Mauro Di Marino

20.03.2013

Angioplastica coronarica

Autore: Dr. Mauro Di Marino

10.09.2013

Angina Pectoris

Autore: Dr. Mauro Di Marino

13.05.2014

La menopausa precoce aumenta il rischio di insufficienza cardiaca

Autore: Dr. Mauro Di Marino

11.08.2013

La fibrillazione atriale

Autore: Dr. Mauro Di Marino

09.07.2013

NIENTE PIU' AGHI

Autore: Dr. Mauro Di Marino

15.06.2014

DALLA RESINCRONIZZAZIONE AL RIMODELLAMENTO VENTRICOLARE PASSANDO ATTRAVERSO UN VORTICE

Autore: TSRM Dr.Domenico Ferraro

24.09.2015

Scacco italiano alla morte improvvisa, guarita la sindrome di Brugada

Autore: Dr. Mauro Di Marino

29.11.2013

La sindrome di Brugada

Autore: Dr. Mauro Di Marino

30.09.2013

Breve storia della cardiologia

Autore: Dr. Mauro Di Marino

 

 

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

16.06.2018

visita specialistica

Esperto: Dr. Michelangelo Scardone

 

09.06.2018

fibrillazione atriale

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

02.06.2018

stenosi aortica

Esperto: Prof.Michele De Bonis

 

27.05.2018

Prevenzione Primaria Cardioaspirina.

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

25.05.2018

Prevenzione Primaria nella Donna con Cardioaspirina.

Esperto: Prof.Michele De Bonis

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Privacy Policy