titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Università

 

Università

Infarto...il difetto genetico che dimezza il rischio !

 

 

 

 

 

 

 

 

Una scoperta relativa alla mutazione di un gene che potrebbe comportare una significativa novità per la medicina. Si tratta di un difetto "anti-infarto" che tra gli "effetti collaterali" ha quello di dimezzare il rischio d'infarto per il cuore di chi è portatore della fortunata anomalia cardiaca, che in media si manifesta in un individuo ogni 650 persone. E' il risultato di uno studio condotto dalla Washington University School of Medicine a St. Louis, in collaborazione con il Broad Institute presso il prestigioso Massachusetts Institute of Technology e la Harvard University di Boston.

Lo studio

Il difetto anti-infarto, infatti, rende inattivo il gene, che produce una proteina la quale assorbe e trattiene il colesterolo presente nei cibi. Attraverso lo studio del genoma, condotto su 113.000 persone, gli esperti hanno trovato un gruppo di soggetti che aveva livelli di colesterolo mediamente più bassi e con un rischio di infarto dimezzato. In questi è stato riscontrato il difetto in questione per almeno una delle copie del gene. In poche parole, come spiega Nathan Stitziel, uno degli autori della ricerca pubblicata sul New England Journal of Medicine, "tutti abbiamo due copie della maggior parte dei geni, una per ciascun genitore. Quando una delle due non funziona, è un po' come prendere un farmaco per tutta la vita che inibisce quel gene".

Farmaco affine

Esiste un medicinale basato sul principio attivo ezetimibe che abbassa i livelli di colesterolo "cattivo" LDL nel sangue, impedendone l'assorbimento dai cibi a livello intestinale. Il farmaco agisce proprio inibendo l'azione di una proteina chiamata NPC1L1. Sulla base della nuova scoperta, gli studiosi hanno avviato una nuova ricerca per capire se anche questo farmaco possa, oltre a contenere il colesterolo, ridurre il rischio cardiaco, come la mutazione dimostra di poter fare.

Scettici italiani

Secondo Elena Tremoli direttore scientifico del Centro Cardiologico Monzino IRCCS di Milano, il dato per ora non accerta nulla in quanto necessita di una conferma su più vasta scala. "Non è la prima volta - ricorda Tremoli - che una mutazione di un gene porta benefici simili. Già uno studio del 2007 sul gene PCSK9, che a sua volta promuove la distruzione del colesterolo, aveva misurato una diminuzione del rischio cardiovascolare nei soggetti testati dal 47% all’ 88%". Quindi la dottoressa invita a non abbassare la guardia sul colesterolo e sulle proteine che ne regolano l'assorbimento.

 

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Università

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

18.07.2018

Battiti cuore

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

16.06.2018

visita specialistica

Esperto: Dr. Michelangelo Scardone

 

14.06.2018

ipertensione

Esperto: Dr. Rocco Contuzzi

 

09.06.2018

fibrillazione atriale

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

02.06.2018

stenosi aortica

Esperto: Prof.Michele De Bonis

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Privacy Policy