titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Alimentazione

 

Alimentazione

Dieta vegetariana: la scelta che fa bene al cuore

 

 

 

 

 


Chi segue una dieta vegetariana, non solo è più ottimista, ma scongiura anche il rischio di malattie cardiache ben del 32% rispetto a chi mangia carne e pesce.

Da uno studio pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition arriva una nuova conferma a sostegno delle diete basate su frutta e verdura, che possono significativamente la contribuire a migliorare la salute del cuore.


"La maggior parte della differenza di rischio è probabilmente dovuta agli effetti sul colesterolo e alla pressione sanguigna, e mostra l'importante ruolo della dieta nella prevenzione delle malattie cardiache", spiega In una nota Francesca Crowe del Cancer Epidemiology Unit, University of Oxford, autrice principale dello studio.


Si tratta del più grande studio mai condotto nel Regno Unito che compara i tassi di malattie cardiache tra i vegetariani e i non-vegetariani. L'analisi ha coinvolto 45.000 volontari provenienti da Inghilterra e Scozia, arruolati nel corso degli anni '90 e seguiti per 11 anni, dell'European Prospective Investigation del Cancer and Nutrition (EPIC)-Oxford study, di cui il 34% erano vegetariani. Una così significativa rappresentanza di vegetariani è rara negli studi di questo tipo ed è stata la chiave vincente per effettuare stime più precise dei rischi relativi ai due diversi gruppi.


Dopo aver sottoposto ai volontari questionari specifici e aver escluso fattori quali l'età, il fumo, l'assunzione di alcol, l'attività fisica, il livello di istruzione e il background socio-economico, "i risultati hanno mostrato chiaramente che il rischio di malattie cardiache nei vegetariani è di circa un terzo inferiore rispetto ai non-vegetariani", aggiunge il professor Tim Key, co-autore dello studio e vice direttore del Cancer Epidemiology Unit, Università di Oxford.


Durante il follow-up, 169 persone sono morte a causa di malattie cardiache, mentre 1.066 sono state ricoverate in ospedale per problemi cardiovascolari. Tra questi casi, la maggior parte erano onnivori e non vegetariani. Questo perché coloro che seguivano una dieta priva di carne e pesce, in genere, aveva indici di massa corporea (BMI) più bassi e meno casi di diabete, oltre ai livelli di colesterolo di gran lunga più bassi e una pressione sanguigna più regolare.

E pensare che c'è chi ancora tenta di screditare una scelta che fa bene alla salute, al pianeta, agli animali.

E al cuore, in tutti i sensi.

 

 

di: greenme

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Alimentazione

27.02.2018

Il cuore degli adolescenti

Autore: Dr. Mauro Di Marino

16.04.2014

Colesterolo cattivo sotto controllo grazie a dieta a base di legumi

Autore: Dr. Mauro Di Marino

30.01.2016

In arrivo la super-pasta che abbassa rischio cardiopatie

Autore: Dr. Mauro Di Marino

06.05.2014

Riabilitazione post infarto: la dieta migliore

Autore: Dr. Mauro Di Marino

24.02.2018

L'ingrediente che può aiutare a fermare un infarto

Autore: Dr. Mauro Di Marino

30.01.2014

Nei bambini con il girovita largo conviene cominciare presto i controlli  

Autore: Dr. Mauro Di Marino

29.03.2017

Le erbe nella medicina cardiovascolare

Autore: Dr. Mauro Di Marino

19.01.2015

Cuore:esercizi e allenamento per la salvaguardia

Autore: Dr. Mauro Di Marino

17.03.2014

Per combattere il colesterolo un pieno di fragole

Autore: Dr. Mauro Di Marino

07.10.2013

Salute a tavola: consigli pratici

Autore: Dr. Mauro Di Marino

 

 

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

22.05.2018

Tachicardia sinusale con sincope

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

17.05.2018

fibrillazione atriale

Esperto: Dr.Stefano Benussi

 

12.04.2018

Morte improvvisa familiare

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

05.04.2018

sindrome aritmogena su base genetica

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

29.03.2018

Utilizzo cardioaspirina

Esperto: Prof.Michele De Bonis

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Informativa sulla privacy