titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Cardiologia

 

Cardiologia

L'obesità incontra la fibrillazione atriale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una ricerca australiana pubblicata sul JACC conferma la stretta relazione tra obesità e fibrillazione atriale: l’eccesso di cellule adipose portano a modificazione anatomiche ed elettriche degli atrii strettamente correlate con l’insorgenza della fibrillazione atriale.

È semplice stabilire un’associazione tra due condizioni, più difficile è dimostrare che una condizione sia causa dell’altra. Se è quindi ormai verificato che obesità e fibrillazione atriale sono due condizione associate, non si è ancora capito quale legame le tenga profondamente unite. È l’obesità a causare la fibrillazione atriale? Oppure sono altre malattie spesso associate all’obesità, quali l’apnea ostruttiva notturna, l’ipertensione arteriosa e il diabete? Dei ricercatori australiani hanno cercato una risposta in uno studio sperimentale che ha voluto indagare nelle pecora come agisce l’obesità sul rimodellamento elettrofisiologico, elettroanatomico e strutturale degli atri.

Lo studio

Gli autori spiegano sul Journal of the American College of Cardiology di aver messo a confronto due gruppi di 10 pecore che per 36 settimane avevano seguito un diverso regime alimentare controllato al termine del quale le pecore del primo gruppo erano normopeso mentre quelle del secondo erano obese. La condizione di obesità di queste ultime è stata mantenuta per altre 36 settimane per raggiungere lo stato di obesità persistente.

A questo punto tutte le pecore sono state sottoposte a mappaggio elettrofisiologico ed elettroanatomico, a indagine diagnostiche ecografiche, a valutazione emodinamica e di imaging (con ecocardiografia e assorbiometria a doppio raggio X) e, infine, a valutazione istologica e molecolare. Sono stati misurati i voltaggi atriali, la velocità di conduzione e la refrattarietà, la vulnerabilità alla fibrillazione atriale, l’infiltrazione di grasso, lo sviluppo di fibrosi atriale e l’espressione del fattore di crescita trasformante TGF-b1 atriale.

Ne è emerso che rispetto alle pecore normopeso quelle cronicamente obese avevano:

 

  • una quantità totale di grasso corporeo superiore (pesavano circa il doppio delle altre);

 

  • volume e pressione dell’atrio sinistro più elevati ma senza nessuna differenza nella funzione ventricolare sinistra, volume maggiore dell’atrio sinistro e pressione della vena polmonare più alta, e anche pressione sanguigna sistemica più elevata;

 

  • una ridotta la velocità di conduzione atriale con un’aumentata eterogeneità di conduzione;

 

  • un aumento degli elettrogrammi frazionati (53% potenziali frazionati/doppi dell’atrio sinistro nelle pecore obese versus il 10,8% nelle pecore normopeso);

 

  • un aumento dell’eterogeneità dei voltaggi e una riduzione dei voltaggi della parte posteriore dell’atrio sinistro;

 

  • nessuna variazione del periodo refrattario effettivo e dell’eterogeneità del periodo refrattario effettivo;

 

  • un maggior numero di episodi di fibrillazione atriale con una maggiore durata cumulativa durante la simulazione programmata.

 

Lo studio anatomico ha rilevato nelle pecore obese un’elevata quantità di grasso epicardico che infiltrava la parere posteriore dell’atrio sinistro vicino alla vena polmonare, mentre le pecore normopeso non è stata riscontrata nessuna infiltrazione.

Infine, la valutazione istologica e molecolare ha evidenziato fibrosi atriale e livelli di TGF-b1 aumentati nel gruppo delle pecore obese.

Conclusioni

Dunque, almeno nel modello animale, l’obesità persistente determina un rimodellamento endocardico biatrale globale caratterizzato da: dilatazione degli atriali, aumenti pressori, anomalie nella conduzione e incremento dei potenziali frazionati.  Inoltre, comporta un accumulo di grasso epicardico in prossimità delle pareti posteriori che, in eccesso, tende inevitabilmente a infiltrarsi nella muscolatura dell’atrio e a rilasciare molecole che inducono la fibrosi. Nell’insieme queste modificazioni anatomiche ed elettriche creano le condizioni ottimali per la fibrillazione atriale. Non per nulla le pecore obese dello studio australiano presentavano una più alta tendenza ad avere episodi fibrillanti non correlabili all’apnea notturna considerato che questi animali non ne soffrono.

Il nostro studio – concludono gli autori – presenta una prova diretta del ruolo dell’obesità in assenza di apnea del sonno nella sviluppo di un substrato unico che predispone all’obesità.  Il substrato per la fibrillazione atriale consiste in un ridotto voltaggio endocardico a livello della parete posteriore dell’atrio sinistro, con infiltrazione del miocardio posteriore dell’atrio sinistro da parte del grasso epicardico. Sono necessari ulteriori studi per valutare se terapie mirate a inibire l’infiltrazione di cellule adipose dal deposito epicardico all’interno delle pareti dell’atrio sinistro di persone obese riducono o meno il rischio di sviluppare la fibrillazione atriale. Ma sono anche necessari ulteriori richiami alla prevenzione: un regime dietetico atto a ridurre l’indice di massa corporeo o a mantenerlo nell’intervallo di normalità potrebbe rendere i pazienti meno vulnerabili alla fibrillazione atriale.

 

di: AIAC

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Cardiologia

06.09.2013

Il cuore: struttura e funzioni

Autore: Dr. Mauro Di Marino

22.04.2014

La terapia elettrica di resincronizzazione

Autore: Dr. Mauro Di Marino

06.04.2016

Cuore: lutto aumenta rischio di fibrillazione atriale

Autore: Dr. Mauro Di Marino

13.12.2015

Gli stents coronarici

Autore: Dr. Mauro Di Marino

07.02.2014

Nanostim, 1° pacemaker senza fili e elettrocateteri

Autore: Dr. Mauro Di Marino

07.04.2014

Fibrillazione atriale, ora nuovi anticoagulanti orali

Autore: Dr. Mauro Di Marino

02.04.2014

Misurare la pressione ? Meglio farlo su entrambe le braccia

Autore: Dr. Mauro Di Marino

13.05.2014

La menopausa precoce aumenta il rischio di insufficienza cardiaca

Autore: Dr. Mauro Di Marino

16.02.2016

Gli energy drink possono far salire la pressione e causare aritmie

Autore: Dr. Mauro Di Marino

10.03.2014

Chiusura percutanea dell’auricola

Autore: Dr. Mauro Di Marino

 

 

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

16.06.2018

visita specialistica

Esperto: Dr. Michelangelo Scardone

 

14.06.2018

ipertensione

Esperto: Dr. Rocco Contuzzi

 

09.06.2018

fibrillazione atriale

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

02.06.2018

stenosi aortica

Esperto: Prof.Michele De Bonis

 

27.05.2018

Prevenzione Primaria Cardioaspirina.

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Privacy Policy