titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

Sei in: Area divulgativa/Cardiologia

 

Cardiologia

Un'errata sospensione post ablazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una nuova analisi statunitense presentata all’Heart Rhythm Society 2015 indica che quasi la metà dei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti ad ablazione transcatetere sospende l’anticoagulante orale nonostante un aumento del rischio di ictus, attacco ischemico transitorio o embolia sistemica nei primi 3 mesi post procedura.

La procedura da seguire – in teoria – prevede di continuare la terapia anticoagulante orale (TAO) nei primi mesi dopo l’ablazione in tutti i pazienti. Superati il periodo canonico di 3 mesi la TAO può essere sospesa solo in quei pazienti che non necessitano di essere anticoagulati perché a basso rischio di ictus, mentre in tutti gli altri deve essere mantenuta per almeno un anno. Soltanto dopo quest’arco di tempo vengono rivalutati i fattori di rischio del paziente per considerare se continuare o meno la terapia.

Nella pratica le cose vanno diversamente, come confermano i nuovi dati presentati al convegno internazionale da Peter Noseworthy, della Mayo Clinic di Rochester (USA). Il problema è che dopo ablazione in assenza di sintomi associati all’aritmia c’è la tendenza ad interrompono la TAO. “Ma l’eliminazione della fibrillazione atriale non libera il paziente dal rischio di sviluppare ictus perché possono esserci altri fattori di rischio in atto che non scompaiono semplicemente perché la fibrillazione atriale è stata trattata con ablazione transcatetere”, ha commentato Noseworthy , principal investigator dello studio, ribadendo come affermato dalla linee guida che l’ablazione è finalizzata a migliorare la qualità della vita di un paziente riducendone i sintomi e non a ovviare alla terapia anticoagulante.

 

Lo studio

L’analisi effettuata da Noseworthy e collaboratori ha incluso 6.886 pazienti sottoposti ad ablazione transcatetere per fibrillazione atriale tra il 2005 e il 2014. Ne è emerso che solo il 60,5% dei pazienti aveva continuato ad assumere anticoagulanti orali a 3 mesi dall’ablazione e solo il 62,5% dei pazienti ad alto rischio di ictus (CHA2DS2-Vasc =/> 2) era ancora in TAO a 90 giorni. Il tasso di interruzione della TAO è risultato maggiore nei pazienti a basso rischio per ictus (punteggio CHA2DS2-Vasc: 0 o 1) ma comunque elevato anche nei soggetti con punteggi CHA2DS2-Vasc più alti.

È stato stimato che tutti i pazienti che avevano smesso la TAO nel periodo iniziale di 3 mesi post ablazione avevano un rischio di ictus otto volte maggiore rispetto ai pazienti rimasti in anticoagulazione nella stesso periodo di tempo (hazard ratio, HR: 8,06; <0,05). Quando la TAO era stata interrotta oltre i 90 giorni è stato calcolato un rischio più alto solo per quei pazienti ad alto rischio con un punteggio CHA2DS2-Vasc> 2. Questi stessi pazienti ad alto rischio hanno avuto un aumento del rischio di ictus/TIA/embolia sistemica quando hanno sospeso la TAO dopo 3 mesi di 2 volte e mezza rispetto a coloro che non hanno interrotto il trattamento (HR: 2,48; P <0,05).

Conclusioni

Questi nuovi dati e le conclusioni che da trarre entrano nel merito della questione ancora oggi dibattuta sull’interruzione dell’anticoagulazione tradizionale con warfarin nel periodo peri-operatorio. In passato, ha ricordato Noseworthy, l’anticoagulazione con warfarin veniva interrotta prima dell’ablazione e sostituita con una terapia ponte con eparina a basso peso molecolare. Ma alcune evidenze suggeriscono che questa procedura si associa a un aumentato rischio di complicanze rispetto a un approccio anticoagulante ininterrotto. Di conseguenza, sempre più i medici stanno effettuando ablazioni mentre il paziente è ancora anticoagulato.

Il quesito se interrompere o meno la TAO si ripropone parzialmente anche con i nuovi farmaci anticoagulanti orali (NAO) di recente introduzione come gli inibitori diretti della trombina (dabigatran) e gli antagonisti del fattore X attivato (apixaban, rivaroxaban, edoxaban) che sono sempre più utilizzati nella pratica clinica. Nel 2014 il 69,8% dei pazienti con prescrizione di un anticoagulante orale nella fase post-ablazione è stato trattato con uno degli anticoagulante orale di nuova generazione, ha riportando Noseworthy sottolineando che ad oggi “sono disponibili pochi dati che mostrano la sicurezza di continuare il trattamento facendo uso dei più recenti anticoagulanti orali durante la procedura di ablazione”.

 

 

di: AIAC

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Cardiologia

04.01.2018

Tachicardia ventricolare: arriva la ‘radioterapia’ esterna che cancella le aritmie

Autore: Dr. Mauro Di Marino

06.03.2014

Un cerotto sostituisce l'Holter

Autore: Dr. Mauro Di Marino

25.04.2014

Fibrillazione Atriale : Le armi efficaci che possono limitare il rischio di ictus

Autore: Dr. Mauro Di Marino

07.03.2015

Sintomi mal interpretati

Autore: Dr. Mauro Di Marino

26.07.2014

La fibrillazione atriale indolore? Non è una chimera

Autore: Dr. Mauro Di Marino

12.02.2014

Ipertensione verso nuove vie cura Scoperta la proteina "colpevole

Autore: Dr. Mauro Di Marino

30.09.2013

Breve storia della cardiologia

Autore: Dr. Mauro Di Marino

15.03.2014

Calcificazioni coronariche: potrebbero risolversi con le cellule "mangia-osso"

Autore: Dr. Mauro Di Marino

22.02.2014

La bio-colla che ripara i cuori "rotti"

Autore: Dr. Mauro Di Marino

20.03.2013

Angioplastica coronarica

Autore: Dr. Mauro Di Marino

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

12.01.2018

Aritmia

Esperto: Dr.Matteo Santamaria

 

18.12.2017

extra-sistole

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

10.12.2017

crioablazione

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

05.12.2017

fibrillazione atriale parossistica

Esperto: Dr.Matteo Santamaria

 

01.12.2017

Bradicardia 52 max 60

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Informativa sulla privacy