titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Cardiologia

 

Cardiologia

Scompenso cardiaco : resincronizzazione pericolosa per pazienti con QRS breve

 


 

 

 

 

 

 



Secondo i risultati di un nuovo studio pubblicato su Circulation: Heart Failure online, la terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT), tramite impianto di defibrillatore, nei pazienti con insufficienza cardiaca (HF) senza un ECG positivo per blocco di branca sinistra (BBS), sarebbe inefficace e persino dannosa.

 

 

 

 

I pazienti senza blocco di branca sinistra non traggono benefici dalla terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT), e un sottogruppo di questi pazienti con QRS breve, potrebbe anche essere a più alto rischio di mortalità. Yitzchak Biton del University of Rochester Medical Center, di New York, autore dello studio realizzato insieme con un gruppo internazionale di ricercatori, ha così sintetizzato i risultati della ricerca. Biton e colleghi hanno sottolineato che l'efficacia della resincronizzazione cardiaca è ben consolidata nei pazienti con insufficienza cardiaca, da lieve a moderata, con sintomi gravi. Tuttavia, i dati disponibili sui pazienti con scompenso cardiaco senza blocco di branca sinistra "sono più limitati e contrastanti".
 
Lo studio
Il team ha esaminato i dati relativi a 537 pazienti con scompenso cardiaco lieve già partecipanti a uno studio più ampio. Si è cosi evidenziato che a sette anni dall’impianto, la probabilità complessiva di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca o di morte era del 45% in quelli randomizzati a ricevere un defibrillatore impiantabile cardioverter (implantable cardioverter-defibrillator - ICD) e del 56% in quelli che avevano ricevuto l’impianto di un defibrillatore biventricolare. Un’analisi multivariata con aggiustamento dei dati per la durata del QRS per i sottogruppi ha mostrato che i pazienti del quartile inferiore (134 ms o meno) avevano un rischio 2,4 volte maggiore di ospedalizzazione o di morte per quelli trattati con CRT-D, rispetto a quelli con il solo trattamento con ICD. Tuttavia, l'effetto di CRT-D nei pazienti del gruppo del quartile superiore (QRS maggiore di 134 ms) era neutro (HR 0,97). In una ulteriore analisi basata sullo studio della durata dell’intervallo PR, i pazienti con QRS prolungato (oltre 134 ms) e PR prolungato (almeno 230 ms) apparivano protetti con il trattamento CRT-D (HR 0.31). L'associazione è stata neutra nei pazienti con QRS prolungato e PR più breve.

 

"Nel complesso", concludono i ricercatori, "i pazienti con scompenso cardiaco lieve ma senza blocco di branca sinistra, morfologicamente rilevabile all’ECG, non hanno mostrato un beneficio clinico con l’impianto di CRT-D durante il lungo periodo di follow-up. Inoltre un QRS relativamente più breve era associato ad un aumento significativo del rischio con CRT- D, rispetto al solo defibrillatore impiantabile cardioverter ". "Queste informazioni dovrebbero quindi essere prese in considerazione nel momento decisionale di una terapia CRT in questo sottogruppo di pazienti", ha sottolineato Biton.
 

 

di: Fonte: Circ Heart Fail 201

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Cardiologia

15.03.2014

Calcificazioni coronariche: potrebbero risolversi con le cellule "mangia-osso"

Autore: Dr. Mauro Di Marino

23.02.2014

La cardiopatia congenita cianotizzante

Autore: Dr. Mauro Di Marino

10.03.2014

Chiusura percutanea dell’auricola

Autore: Dr. Mauro Di Marino

26.07.2013

Il defibrillatore impiantabile

Autore: Dr. Mauro Di Marino

16.11.2017

Bimbi, un test per scoprire cardiopatie congenite

Autore: Dr. Mauro Di Marino

03.07.2013

Cardiopatia Ischemica

Autore: Dr. Mauro Di Marino

14.10.2016

VII CORSO SULLE CARDIOPATIE CONGENITE DELL’ADULTO

Autore: TSRM Dr.Domenico Ferraro

24.09.2015

Scacco italiano alla morte improvvisa, guarita la sindrome di Brugada

Autore: Dr. Mauro Di Marino

20.12.2014

Ablazione chirurgica toracoscopica della fibrillazione atriale

Autore: Dr. Mauro Di Marino

11.08.2015

The Italian START-Register on Anticoagulation with Focus on Atrial Fibrillation

Autore: Dr. Pasquale Saracino

 

 

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

22.05.2018

Tachicardia sinusale con sincope

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

17.05.2018

fibrillazione atriale

Esperto: Dr.Stefano Benussi

 

12.04.2018

Morte improvvisa familiare

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

05.04.2018

sindrome aritmogena su base genetica

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

29.03.2018

Utilizzo cardioaspirina

Esperto: Prof.Michele De Bonis

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Informativa sulla privacy