titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Cardiologia

 

Cardiologia

Il defibrillatore sottocutaneo

 

 

Il Defibrillatore Sottocutaneo (S-ICD) è un dispositivo che non richiede l’inserzione di elettrodi all’interno del cuore.

Il device viene inserito sotto la cute in regione ascellare e l’elettrodo viene posizionato  sempre nel sottocute in regione sternale del torace, anteriormente.

 

 

 

 

 

 

 

Quali pazienti ?
I pazienti che più si avvantaggiano dell’impianto di un defibrillatore sottocutaneo (S-ICD) sono sopattutto i giovani. Difatti, in questi pazienti, che per la loro giovane età sarebbero esposti a tutti i rischi della prolungata permanenza di elettrodi intracardiaci, avere a disposizione un defibrillatore sottocutaneo senza elettrodi all’interno del cuore, rende il loro futuro meno complicato.

I pazienti in cui non può essere impiantato un defibrillatore sottocutaneo sono quelli in cui alla necessità antitachicardica si associa la necessità di stimolare il cuore per bradicardia (poichè la stimolazione si può ottenere solo con elettrodi intracardiaci).

 

Il Defibrillatore è uno degli strumenti terapeutici più strabilianti per la sua efficacia. Attraverso il riconoscimento e la risposta automatica al verificarsi di Tachicardia Ventricolare o Fibrillazione Ventricolare, questi sistemi hanno ridotto in modo sensazionale la mortalità associata a questo evento (Arresto Cardiaco). Tuttavia il largo impiego di defibrillatori impiantabili, con elettrodi transvenosi intracardiaci, ha fatto emergere alcuni problemi intrinseci al tipo di sistema e alla tecnica di impianto.

Un primo gruppo di problemi è quello legato all’inserzione di elettrodi nel sistema venoso e nel cuore: necessità di utilizzo uso di apparecchi radiologici; rischio di complicanze con l’accesso vascolare e con la permanenza cronica di multipli elettrodi nel sistema vascolare; rischio di perforazione cardiaca. Un secondo gruppo di problemi è quello legato alla prolungata permanenza degli elettrodi dentro il cuore e il sistema venoso: il continuo movimento e flessione dell’elettrodo per ogni ciclo cardiaco sottopone l’elettrodo a uno stress che può causare frattura o usura dell’isolamento (si stima che dopo 8 anni dall’impianto circa il 40% degli elettrodi presentI qualche problema legato all’usura!); in caso di infezioni o malfunzione del sistema, l’estrazione degli elettrodi cronici presenta un elevato rischio per il paziente; nel caso di scompenso con dissincronia ventricolare, la Resincronizzazione richiede l’inserzione di un nuovo elettrodo nel sistema venoso.

Tutti questi problemi, connessi ad una terapia estremamente efficace nella cardiologia moderna come è il Defibrillatore impiantabile, ora trovano una soluzione con il nuovo siste ma di defibrillatore interamente sottocutaneo.

 

 

 

 

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Cardiologia

14.10.2016

VII CORSO SULLE CARDIOPATIE CONGENITE DELL’ADULTO

Autore: TSRM Dr.Domenico Ferraro

04.01.2018

Tachicardia ventricolare: arriva la ‘radioterapia’ esterna che cancella le aritmie

Autore: Dr. Mauro Di Marino

15.03.2016

La sindrome di TAKO-TSUBO

Autore: Dr. Mauro Di Marino

13.12.2015

Gli stents coronarici

Autore: Dr. Mauro Di Marino

20.12.2014

Ablazione chirurgica toracoscopica della fibrillazione atriale

Autore: Dr. Mauro Di Marino

16.02.2016

Gli energy drink possono far salire la pressione e causare aritmie

Autore: Dr. Mauro Di Marino

23.06.2013

L' infarto del miocardico

Autore: Dr. Luigi Di Martino

25.04.2014

Fibrillazione Atriale : Le armi efficaci che possono limitare il rischio di ictus

Autore: Dr. Mauro Di Marino

20.03.2013

Angioplastica coronarica

Autore: Dr. Mauro Di Marino

12.04.2016

INNOVATION IN MOTION 2016

Autore: TSRM Dr.Domenico Ferraro

 

 

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

22.05.2018

Tachicardia sinusale con sincope

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

17.05.2018

fibrillazione atriale

Esperto: Dr.Stefano Benussi

 

12.04.2018

Morte improvvisa familiare

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

05.04.2018

sindrome aritmogena su base genetica

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

29.03.2018

Utilizzo cardioaspirina

Esperto: Prof.Michele De Bonis

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Informativa sulla privacy