titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Università

 

Università

Vino e fibrillazione atriale : cautela per chi soffre o potrebbe soffrirne

 

 


Il classico bicchiere di vino rosso a pasto (giudicato spesso un «salva cuore» non è indicato per persone che soffrono di questo disturbo o sono geneticamente predisposte

Per chi ha sempre pensato che il classico bicchiere di vino a pasto potesse essere un salvavita per il cuore arriva una cattiva notizia. In alcune persone che hanno una predisposizione genetica a sviluppare la fibrillazione atriale, la più diffusa aritmia cardiaca, l’alcol sarebbe da evitare. Può infatti accadere che, col tempo, il consumo di alcolici anche in quantità moderata - il classico bicchiere ai pasti o l’amaro la sera - possa portare ad un allargamento progressivo del volume dell’atrio sinistro, con conseguente maggior rischio di sviluppare l’alterazione del ritmo cardiaco.

Mutamenti fisici dell’atrio di sinistro
A chiedere maggior attenzione, pur senza interferire con l’attività protettiva degli alcolici a basse dosi per i vasi sanguigni e con il monito che i pericoli sarebbero significativi per chi ha scritto nel patrimonio genetico un maggior rischio di ammalarsi, è una ricerca condotta dall’equipe coordinata da Gregory Marcus, Direttore della Ricerca Clinica presso la Divisione di Cardiologia dell’Università della California a San Francisco. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Journal of the American Heart Association e per la prima volta fa ipotizzare che dietro alla fibrillazione atriale non ci siano solamente turbe elettriche della conduzione del segnale cardiaco, ma anche mutamenti fisici in senso dimensionale dell’atrio sinistro, da cui il sangue viene immesso nel ventricolo per essere poi inviato a tutto il corpo.

Un bicchiere al giorno aumenta il rischio
Per giungere a questa conclusione, gli esperti hanno preso in esame i dati del famoso Framingham Heart Study, che segue i residenti della cittadina americana, concentrandosi su poco più di 5.200 persone: nello studio sono state inserite soprattutto donne e per tutti l’età minima è stata di 56 anni. Per sei anni sono stati eseguiti elettrocardiogrammi a cadenze regolari, e sono state riconosciute circa 1.100 casi di fibrillazione atriale. Poi confrontando le informazioni con l’assunzione di alcolici, si è arrivati a capire che esisteva un rischio aumentato nei soggetti che consumavano regolarmente alcolici, anche in quantità limitate. Più o meno un bicchiere al giorno aumentava il rischio anche fino al 5 per cento, ma soprattutto aggiungendo un altro bicchiere si è osservato negli anni un incremento del volume dell’atrio sinistro, con possibile ricaduta sulla capacità di conservare il normale ritmo cardiaco. La correlazione tra questi fattori ( intesa come tale e non come rapporto causa-effetto), è stata osservata anche dopo che sono stati eliminati possibili elementi che potevano influire sulla comparsa dell’aritmia, come il diabete, il fumo o l’ipertensione.

 


La fibrillazione atriale
La fibrillazione atriale è quindi la più comune fra le aritmie cardiache, con una prevalenza dello 0,5 per cento nella popolazione adulta. Oltre ad essere direttamente correlata con l’età, l’aritmia è poi piuttosto comune nei pazienti con altre patologie cardiocircolatorie, come l’ipertensione arteriosa, la malattia coronarica, ma soprattutto le malattie valvolari: fra il 30 e l’80 per cento dei pazienti operati per malattia della valvola mitrale giungono all’intervento in fibrillazione atriale.
Il maggior rischio che si accompagna a questa anomalia del battito cardiaco è l’aumentato pericolo di andare incontro ad un ictus cerebrale di tipo ischemico, causato da coaguli che si staccano dall’atrio e, attraverso il sangue, giungono alle arterie del cervello. Per questo le persone che scoprono di avere queste aritmie vengono trattate con farmaci che rendono il sangue più fluido, riducendo il rischio che si formino trombi all’interno dell’atrio e quindi possibili embolie che possono interessare anche aree lontane dal cuore.

 

di: corriere.it

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Università

15.11.2016

Caffè e aritmie, uno studio smentisce il legame

Autore: Dr. Mauro Di Marino

04.10.2014

Nello Spazio per capire meglio la Ccsvi

Autore: Dr. Mauro Di Marino

22.01.2017

Congresso mondiale sulla ablazione della sindrome di Brugada

Autore: Dr. Mauro Di Marino

01.09.2014

In arrivo un nuovo farmaco per lo scompenso cardiaco

Autore: Dr. Mauro Di Marino

30.08.2015

Lavorare troppo aumenta rischio ictus e cardiopatie

Autore: Dr. Mauro Di Marino

14.06.2016

CURARE, ORGANIZZARE E COMUNICARE IN MODO PIÙ EFFICIENTE ED EFFICACE

Autore: TSRM Dr.Domenico Ferraro

25.09.2015

PRATICE II EDIZIONE

Autore: TSRM Dr.Domenico Ferraro

31.07.2015

Wize Mirror: uno specchio per mantenersi sani

Autore: Dr. Mauro Di Marino

14.07.2014

Malattie vascolari, nuova scoperta dei ricercatori della fondazione Mario Negri Sud

Autore: Dr. Mauro Di Marino

26.06.2014

Cuore, ‘pezzi di ricambio’ in 3D salveranno più vite di trapianti e farmaci

Autore: Dr. Mauro Di Marino

 

 

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

14.12.2018

INFORMAZIONI

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

02.12.2018

Portatore di Paceaker per blocco atrio-ventricolare completo e fasi di BAV di II grado tipo 2

Esperto: Dr. Celestino Sardu

 

17.10.2018

Qtc lungo

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

06.10.2018

sindrome di brugada

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

14.09.2018

WOLF PARKINSON WHITE

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Privacy Policy