titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Università

 

Università

Caffè e aritmie, uno studio smentisce il legame

 

 

 

 

Chi soffre di insufficienza cardiaca o è a rischio di aritmie potrebbero consumare alte dosi di caffeina senza soffrire di effetti collaterali, sostiene uno studio pubblicato su JAMA International Medicine


 

 

Consumare grandi quantità di caffeina non causerebbe aritmie nei pazienti che soffrono di insufficienza cardiaca sistolica o che sono a rischio di aritmia ventricolare: lo sostiene uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine, che sembra andare controcorrente alla tesi secondo cui bere molto caffè possa peggiorare la condizione di persone affette da patologie cardiovascolari.

Nonostante l’argomento si studi da anni, la relazione tra consumo di caffeina ed aritmia (dove per aritmia si intende l’alterazione del normale ritmo cardiaco) rimane controversa, e molti pazienti considerati ad alto rischio cardiaco vengono incoraggiare a ridurre la quantità di bevande contenenti caffeina consumate giornalmente.

 

Luis Rohde e i suoi colleghi della Federal University of Rio Grande do Sul, in Brasile, hanno condotto un trial clinico per studiare gli effetti a breve termine del consumo di elevati dosi di caffeina in pazienti affetti da insufficienza cardiaca. Sono stati 51 i partecipanti hanno preso parte allo studio: a 25 di questi è stato dato caffè decaffeinato con caffeina in polvere aggiunta, i rimanenti 26 hanno invece bevuto caffè decaffeinato con un placebo a base di polvere di lattosio. Tutti i pazienti hanno consumato la bevanda a intervalli di un’ora, per un totale di 500 mg di caffeina o di placebo ingeriti durante un periodo di 5 ore. Il trial comprendeva anche un test su un tapis roulant un’ora dopo l’ultima ingestione.

 

Dai risultati non sono emersi collegamenti tra l’ingestione di caffeina e l’insorgenza di episodi di aritmia, anche dopo il test sul tapis roulant. Gli autori, tuttavia, sottolineano le limitazioni dello studio: nonostante dai dati ottenuti non siano emersi legami, circa il 50% dei partecipanti erano bevitori abituali di caffè: questo potrebbe influenzare i risultati in quanto persone non abituate a consumare caffè potrebbero reagire in modo diverso agli effetti della caffeina.

Lo studio, inoltre, si occupava di studiare solamente gli effetti a breve termine e, nonostante i ricercatori pensino che sia improbabile, non esclusono conseguenze a lungo termine. “L’ingestione di grandi dosi di caffeina”, concludono gli scienziati, “non ha indotto aritmie in pazienti che soffrono di insufficienza cardiaca sistolica né a riposo né durante esercizio fisico. Fino ad oggi, non ci sono prove sufficienti a supportare la raccomandazione di limitare il consumo di caffeina nei pazienti a rischio di aritmia.”

 

 

di: JAMA International Medicine

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Università

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

17.10.2018

Qtc lungo

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

06.10.2018

sindrome di brugada

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

14.09.2018

WOLF PARKINSON WHITE

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

16.08.2018

Capogiro

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

18.07.2018

Battiti cuore

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Privacy Policy