titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Cardiologia

 

Cardiologia

Qualche consiglio per i soggetti con cardiopatie che si ammalano di influenza

 

 

 

Come previsto, anche quest’anno l’influenza è arrivata e continua attualmente l’ascesa della curva epidemica e il livello dell’incidenza che sembra essere superiore a quello osservato nella precedente stagione influenzale.

I soggetti che soffrono di una cardiopatia, sia di origine ischemica sia di tipo strutturale/valvolare, sono più suscettibili ad alcune potenziali complicanze della sindrome influenzale. Alcune semplici ma importanti cautele possono aiutare a minimizzare o prevenire il rischio di possibili complicanze.

 

La prima buona norma inderogabile per un soggetto “cardiopatico” con influenza è quella di mantenersi a riposo, anche se non è presente la febbre elevata, evitando il più possibile i luoghi pubblici e gli stress fisici ed emotivi. Inoltre, è fondamentale riprendere le proprie regolari attività solo dopo qualche giorno dalla completa regressione dei sintomi, per cercare di evitare le recidive.

 

Altra importante misura è quella di non abbassare repentinamente la temperatura in caso di febbre ed evitando sudorazioni eccessive, preferendo somministrazioni di paracetamolo più frequenti a basso dosaggio rispetto ad un alto dosaggio in mono-somministrazione. Normalmente, bisogna reintegrare i liquidi e i sali minerali persi evitando la disidratazione, facendo però attenzione al bilancio idrico, ed evitando l’eccessiva idratazione nei pazienti con scompenso cardiaco. Per questi ultimi pazienti, potrebbe essere necessario un più stretto monitoraggio da parte del medico curante È fondamentale iniziare precocemente l’antibiotico-terapia in caso di febbre elevata, dopo consultazione con il medico di fiducia.

 

Infine, è rilevante non sottovalutare i sintomi come l’affanno e il dolore al petto, che in caso di febbre posso essere confusi attribuiti ai disturbi respiratori e ai dolori articolari e muscolari, mascherando un eventuale peggioramento della cardiopatia di base. A questo proposito, la scarsa risposta dei sintomi alla comune terapia dell’influenza, o la comparsa di segni e sintomi specifici concomitanti, possono costituire dei segnali sfavorevoli, ma comunque il consulto medico, evitando il “fai da te”, è sempre fondamentale per un’appropriata valutazione e attento monitoraggio.

 

 

di: Corrado Tamburino

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Cardiologia

04.01.2018

Tachicardia ventricolare: arriva la ‘radioterapia’ esterna che cancella le aritmie

Autore: Dr. Mauro Di Marino

22.04.2014

La terapia elettrica di resincronizzazione

Autore: Dr. Mauro Di Marino

30.08.2018

Fibrillazione atriale, in 4 casi su 10 danno cerebrale non diagnosticato

Autore: Dr. Mauro Di Marino

14.10.2016

VII CORSO SULLE CARDIOPATIE CONGENITE DELL’ADULTO

Autore: TSRM Dr.Domenico Ferraro

02.06.2014

Pacemaker, usato pochissimo, cedesi per modica cifra

Autore: Dr. Mauro Di Marino

06.04.2016

Cuore: lutto aumenta rischio di fibrillazione atriale

Autore: Dr. Mauro Di Marino

26.07.2014

La fibrillazione atriale indolore? Non è una chimera

Autore: Dr. Mauro Di Marino

07.01.2016

Fibrillazione atriale: soluzione anche nei casi più gravi

Autore: Dr. Mauro Di Marino

09.07.2013

NIENTE PIU' AGHI

Autore: Dr. Mauro Di Marino

04.10.2016

Il defibrillatore sottocutaneo

Autore: Dr. Mauro Di Marino

 

 

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

14.09.2018

WOLF PARKINSON WHITE

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

16.08.2018

Capogiro

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

18.07.2018

Battiti cuore

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

16.06.2018

visita specialistica

Esperto: Dr. Michelangelo Scardone

 

14.06.2018

ipertensione

Esperto: Dr. Rocco Contuzzi

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Privacy Policy