titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Ricerca

 

Ricerca

Malattie cardiache congenite, pubblicate le nuove linee guida

 

 

 



Dopo 10 anni revisionate le linee guida per la gestione delle Malattie cardiache congenite, che tengono conto dei recenti sviluppi della medicina.

 

 

Novità sulla gestione delle Malattie cardiache congenite. Dopo dieci anni sono infatti state aggiornate le linee guida redatte  dall’American Heart Association (AHA) e dall’American College of Cardiology (ACC).

A guidare la revisione delle linee guida è stata Karen Stout, della Università Washington di Seattle. L’aggiornamento è stato pubblicato dal Journal of the American College of Cardiology e dai siti web delle due società scientifiche americane.

 

Managemente of Adults with Congenital Heart Disease

Nel report si tiene conto di come i recenti sviluppi della medicina hanno permesso di migliorare la cardiologia pediatrica e la cardiochirurgia congenita. Il 90% dei bambini con una diagnosi di malattia coronarica grave infatti sopravvive ormai fino all’età adulta, la gestione del paziente adulto è quindi centrale.

Le linee guida aiutano il medico a gestire le malattie cardiache congenite. Grazie ad esse si classifica il caso di cardiopatia congenita in base alla complessità in semplice, moderata ed elevata, sulla base dell’anatomia, e in quattro fasi fisiologiche progressivamente peggiori, da A a D, sulla base di sintomi e altre caratteristiche cliniche.

Per la valutazione degli adulti, raccomandano l’elettrocardiografia, così come la risonanza magnetica cardiaca, l’ecocardiografia, la TC cardiaca e/o la cateterizzazione cardiaca. I pazienti, inoltre, dovrebbero ricevere raccomandazioni personalizzate per quel che riguarda sport e attività fisica in generale e dovrebbero sottoporsi anche alla valutazione di eventuale stati di depressione e ansia, da gestire in modo specifico da parte di uno specialista.

Nelle linee guida si consiglia ai medici di adottare programmi integrati, collaborativi e multidisciplinari, soprattutto nei casi di cardiopatia complessa. Mentre raccomandano un’appropriata terapia per affrontare la gravidanza, le malattie cardiovascolari acquisite e malattie acute non cardiache che complicano le cardiopatie.

 

Le linee guida affrontano nello specifico anche una ventina di lesioni particolari e la loro gestione. Presenti infine oltre 60 domande ad alto impatto relative a fisiopatologia, trattamento, risultati e valutazione del rischio, oltre che con la classificazione di sette categorie di problemi specifici relativi alle malattie cardiache congenite.

 

di: Barbara Zampini

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Ricerca

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

02.12.2018

Portatore di Paceaker per blocco atrio-ventricolare completo e fasi di BAV di II grado tipo 2

Esperto: Dr. Celestino Sardu

 

17.10.2018

Qtc lungo

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

06.10.2018

sindrome di brugada

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

14.09.2018

WOLF PARKINSON WHITE

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

16.08.2018

Capogiro

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Privacy Policy