titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

Sei in: Area divulgativa/Cardiologia

 

Cardiologia

Angina Pectoris

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'angina pectoris è una seria sindrome clinica causata da un'ischemia miocardica a carattere transitorio, ciò sta a significare che, per un ridotto periodo di tempo, generalmente pochi minuti, si ha una riduzione del flusso sanguigno al muscolo cardiaco. L'attacco anginoso non provoca mai un danno miocardico a carattere permanente proprio a motivo della breve durata della diminuzione del flusso. La sintomatologia caratteristica dell'angina pectoris è il dolore retrosternale costrittivo e oppressivo che si accompagna alla sensazione di mancanza del respiro.

 

Cenni storici

 

I termini latini angina pectoris furono usati per la prima volta da un medico inglese, William Heberden, che il 21 luglio 1768, durante un incontro al College of Physicians di Londra, descrisse accuratamente il quadro clinico anginoso e lo fece così bene che ancora oggi gli inglesi, ma non solo loro, talvolta definiscono l'angina pectoris come la "malattia di Heberden"; la terminologia usata dal medico inglese è particolarmente efficace perché ben descrive il quadro sintomatologico della malattia (angina deriva da angor, restringimento, e pectoris significa di petto). Sebbene Heberden fosse completamente all'oscuro delle cause scatenanti l'attacco di angina pectoris, ne descrisse quasi tutte le diverse forme, quelle da sforzo, le spontanee, le ingravescenti, le post-prandiali, quelle da decubito, da deglutizione ecc.

Classificazione dell'angina pectoris


Diversi sono i criteri di classificazione dell'angina pectoris; generalmente si considerano i criteri fisiopatologici, i criteri descrittivi e quelli clinico-prognostici.

Criteri fisiopatologici - I criteri fisiopatologici prendono in considerazione le cause d'insorgenza di tale sindrome clinica; in base a queste, l'angina può essere primaria oppure secondaria.

L'angina pectoris primaria è legata a modificazioni del calibro coronarico; tali modificazioni sono generalmente dovute a spasmi transitori di un vaso coronarico il cui calibro risulta ridotto a motivo della presenza di placche aterosclerotiche; più raramente, dette modificazioni sono provocate da spasmi coronarici indipendenti da malattie coronariche, i vasi cioè sono perfettamente sani (angina di Prinzmetal).

Si parla di angina pectoris secondaria quando l'ischemia miocardica transitoria è dovuta a un aumento della richiesta del flusso di sangue al cuore e siano presenti ostruzioni coronariche significative dal punto di vista emodinamico. Il tipico caso è quello di uno sforzo intenso in un soggetto affetto da placche aterosclerotiche; il cuore richiede un maggior afflusso di sangue, ma le stenosi coronariche riducono il flusso sanguigno provocando la comparsa dell'attacco anginoso.

Criteri descrittivi – I criteri descrittivi sono legati alle modalità di presentazione dell'attacco di angina pectoris. In base a tali modalità, si parla di angina pectoris spontanea, da sforzo e mista.

L'angina pectoris spontanea è un'angina di tipo primario; l'episodio anginoso compare a riposo, imprevedibilmente, senza nessuna causa apparente. 

L'angina pectoris da sforzo è un'angina di tipo secondario, l'episodio viene scatenato da una attività fisica svolta a un determinato livello. Nella maggior parte dei casi, si ha riparazione delle ulcerazioni provocate dall'attacco ischemico, ma, a lungo andare, ciò provoca un ispessimento delle placche aterosclerotiche (sempre presenti in questo tipo di angina) con conseguente abbassamento della soglia ischemica.

L'angina pectoris mista è probabilmente il quadro clinico più comune; gli episodi anginosi si verificano sia in condizioni di riposo sia in seguito a episodi da sforzo; in alcune occasioni non si hanno manifestazioni nemmeno dopo sforzi anche abbastanza intensi, mentre è possibile che l'attacco si scateni dopo attività fisiche di bassa o moderata intensità. Praticamente, la soglia ischemica non è mai la stessa, ma anzi varia a seconda dei periodi.

Criteri clinico-prognostici – I criteri clinico-prognostici prendono in considerazione l'evoluzione del fenomeno anginoso. In base a detti criteri si parla di angina pectoris stabile e instabile.

L'angina pectoris stabile è caratterizzata dalla stabilità del quadro clinico; è, di fatto, una forma cronica di angina, scarsamente evolutiva.

L'angina pectoris instabile è un quadro clinico la cui gravità si colloca tra quella della forma stabile e quella dell'infarto miocardico. È infatti relativa ad alcune tipologie di angina pectoris che hanno la tendenza a evolvere verso quest'ultimo. Tali caratteristiche evolutive l'hanno fatta descrivere anche come "angina pre-infartuale" o "angina in crescendo".

Fattori di rischio dell'angina


Diversi sono i fattori di rischio relativi all'angina pectoris; tali fattori possono essere non modificabili (non dipendono cioè dalla volontà del soggetto) e modificabili (dipendono cioè, in buona sostanza, dallo stile di vita della persona).
I fattori di rischio non modificabili sono sostanzialmente tre:
  • età (con l'avanzare dell'età le possibilità di andare incontro a episodi anginosi diventano più accentuate)
  • familiarità (soggetti che abbiano avuto in famiglia casi di angina o di infarto corrono maggiori rischi)
  • sesso (il sesso maschile risulta essere molto più colpito rispetto a quello femminile, almeno fino a che le donne non entrano in menopausa).
Anche l'essere diabetici (quando tale condizione non sia correlata allo stile di vita) aumenta le probabilità di rischio di andare incontro a episodi anginosi.

I fattori di rischio modificabili sono strettamente correlati allo stile di vita del soggetto. Invitiamo quindi a un'attenta rilettura del nostri articoli Lo stile di vita, Il rischio cardiovascolare, Il colesterolo e La sindrome metabolica.



Sintomatologia dell'angina


I sintomi dell'attacco di angina pectoris possono presentarsi in maniera diversa; talvolta, più che un vero e proprio dolore, il soggetto avverte una sensazione di sconforto, accompagnata da un senso di costrizione e oppressione centrale e dalla difficoltà a respirare in maniera corretta. In altre occasioni, invece, il dolore viene avvertito in modo più preciso, più intenso; il soggetto riferisce di dolori alle braccia, alle spalle, alla mandibola, al collo oppure alla schiena. Di norma si riscontra un aumento della frequenza cardiaca, della pressione arteriosa e della sudorazione. Abbastanza frequente è anche il pallore improvviso. La durata dell'attacco anginoso è generalmente breve, da uno a venti minuti al massimo. I fattori scatenanti, nell'angina pectoris secondaria, sono molteplici (attività fisica, attività sessuale, freddo intenso, una forte emozione, un pasto eccessivamente abbondante ecc.). Talvolta la descrizione del quadro sintomatologico è abbastanza vaga e il soggetto riferisce di generici disturbi che attribuisce a problemi digestivi.
La sintomatologia dolorosa regredisce con il riposo e dopo somministrazione di farmaci vasodilatatori come, per esempio, la Trinitrina (un farmaco appartenente alla classe dei nitroderivati).

Diagnosi dell'angina

La diagnosi dell'angina pectoris è di tipo clinico e viene effettuata in base alle caratteristiche proprie dell'attacco anginoso. In prima istanza, nel caso di urgenza, viene eseguito un elettrocardiogramma; a seguire si ricorre a esami strumentali più complessi come l'elettrocardiogramma da sforzo, l'elettrocardiogramma dinamico e l'ecocardiogramma.
L'elettrocardiogramma da sforzo risulta molto utile per la valutazione della soglia di tolleranza che il  paziente ha prima di sviluppare l'attacco ischemico. Nel caso gli esami precedenti risultassero dubbi, è possibile ricorrere alla scintigrafia del miocardio o, al limite, a un ecocardiografia da stress.

Prognosi e terapia dell'angina


La prognosi è negativamente influenzata dall'età, da quanto è estesa la malattia coronarica, dalla più o meno elevata riduzione della funzione ventricolare e dalla severità della sintomatologia. I rischi più gravi sono l'infarto e la morte improvvisa.
L'approccio terapeutico si basa sull'adozione di un corretto stile di vita (abolizione del fumo, importante riduzione dell'assunzione di alcolici, regime alimentare corretto, controllo del sovrappeso ecc.) e sull'assunzione di farmaci. 
La terapia farmacologica si basa su tre tipi di farmaci: i nitroderivati, i calcio-antagonisti e i beta-bloccanti. I nitroderivati svolgono una funzione vasodilatatoria, soprattutto a livello venoso; la forma farmaceutica più comune è quella per via orale; un soggetto sofferente di angina pectoris deve sempre avere a portata di mano le compresse di nitroglicerina. Esistono anche dei nitroderivati sotto forma di cerotti da applicare sulla cute che svolgono un'azione prolungata (circa 18 ore).
I calcio-antagonisti hanno funzione vasodilatatoria, soprattutto a livello arterioso, e agiscono dilatando anche le coronarie.
Le funzioni dei beta-bloccanti sono quelle di diminuire la pressione arteriosa, la frequenza cardiaca, la contrattilità cardiaca e il consumo di ossigeno.
Tipica, nel malato anginoso, l'impostazione di terapia antiaggregante (cardioaspirina).
Talvolta, nel caso siano stati riportati danni coronarici è consigliabile ricorrere a tecniche chirurgiche come l'angioplastica coronarica o l'innesto di bypass aorto-coronarico (CABG, Coronary Artery Bypass Graft).

 

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Cardiologia

15.03.2014

Calcificazioni coronariche: potrebbero risolversi con le cellule "mangia-osso"

Autore: Dr. Mauro Di Marino

04.10.2016

Il defibrillatore sottocutaneo

Autore: Dr. Mauro Di Marino

18.09.2014

L' ipertensione arteriosa

Autore: Dr. Mauro Di Marino

05.11.2013

Il meccanismo molecolare che genera l'ipertensione

Autore: Dr. Mauro Di Marino

06.03.2014

Un cerotto sostituisce l'Holter

Autore: Dr. Mauro Di Marino

02.06.2014

Pacemaker, usato pochissimo, cedesi per modica cifra

Autore: Dr. Mauro Di Marino

10.09.2013

Angina Pectoris

Autore: Dr. Mauro Di Marino

07.03.2014

Medtronic Introduces Micra, World’s Smallest Pacemaker

Autore: Dr. Mauro Di Marino

07.03.2015

Sintomi mal interpretati

Autore: Dr. Mauro Di Marino

06.04.2016

Cuore: lutto aumenta rischio di fibrillazione atriale

Autore: Dr. Mauro Di Marino

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

12.01.2018

Aritmia

Esperto: Dr.Matteo Santamaria

 

18.12.2017

extra-sistole

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

10.12.2017

crioablazione

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

05.12.2017

fibrillazione atriale parossistica

Esperto: Dr.Matteo Santamaria

 

01.12.2017

Bradicardia 52 max 60

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Informativa sulla privacy