titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

Sei in: Area divulgativa/Cardiochirurgia

 

Cardiochirurgia

Valvulopatie

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Le anomalie strutturali e i disturbi della funzione valvolare cardiaca portano alla VALVULOPATIA CARDIACA, termine generico che include un insieme di entità eziologiche, ciascuna caratterizzata da una propria fisiopatologia, presentazione clinica e storia naturale.

Lepatologie che coinvolgono le valvole cardiache conducono ad alterazioni:


Restrittive: STENOSI VALVOLARE

Incontinenza: INSUFFICIENZA VALVOLARE

I vizi possono essere

  • ISOLATI (stenosi o insufficienza)
  • COMBINATI (steno-insufficienza)
  • COMPOSTI (mitro-aortici-tricuspidalici). 


STENOSI MITRALICA


E’ più frequente nel sesso femminile in quanto ha generalmente un’eziologia  reumatica ( cardite reumatica post-streptococcica ), e la malattia reumatica è più frequente nel sesso femminile; più raramente è determinata da Endocardite infettiva, Neoplasie, Calcificazione massiva dell’anulus, LES (Lupus Eritematoso Sistemico), Artrite Reumatoide, Mixoma atriale o grosso trombo a palla; queste ultime due condizioni possono determinare stenosi mitralica in quanto occupando una buona parte dell’atrio sinistro possono in parte occludere l’orificio valvolare.


Malattia Reumatica

E' una patologia infiammatoria multiorganica, conseguenza tardiva di infezione faringea da Streptococco di gruppo A.

Il processo infiammatorio interessa principalmente articolazioni, cuore, sistema nervoso centrale, cute e sottocute.

Le manifestazioni cliniche principali sono: cardite, artrite, corea, noduli sottocutanei ed eritema marginato.

La cardite è la manifestazione più importante e si può presentare come endomiopericardite.

Il quadro clinico può essere acuto, con scompenso congestizio, lieve o paucisintomatico. L’incidenza di cardite nella fase iniziale della Malattia Reumatica è del 40-50% e si manifesta principalmente nelle prime 2 settimane.

I principali segni clinici sono: comparsa di un soffio cardiaco precedentemente assente, cardiomegalia, scompenso congestizio, segni di interessamento pericardico ( pericardite ).

La caratteristica anatomo-patologica della cardite reumatica è il NODULO di ASCHOFF: area infiammatoria perivascolare costituita da un area centrale di necrosi fibrinoide attorniata da cellule infiammatorie. Successivamente il granuloma evolve in CICATRICE FIBROSA



Per prevenire le localizzazioni sistemiche della malattia reumatica è necessario nella fase acuta attuare subito un ciclo di terapia penicillinica contro lo Streptococco: 600.000 UI i.m. nel bambino, 1.200.000 UI nell’adulto. La terapia antiinfiammatoria prevede in prima istanza l’impiego di acido Acetilsalicilico: 100 mg/kg/die nel bambino e 6-8 gr/die nell’adulto, in 4 dosi/die, da protrarre per 3-4 settimane. In caso di febbre persistente è necessario il trattamento cortisonico. Nei soggetti che hanno sviluppato cardite reumatica, è necessaria profilassi a lungo termine, con penicillina i.m. 1.200.000 UI ogni 4 settimane. 


Anatomia della valvola mitrale

Complesso anatomofunzionale composto da atrio sinistro, anello mitralico, lembi, valvolari, corde tendinee, muscoli papillari e ventricolo sinistro.


foto



Il processo di cicatrizzazione della valvulite reumatica determina:
- Ispessimento dei lembi valvolari da parte di tessuto fibroso e/o depositi calcifici
- Fusione delle commissure valvolari
- Accorciamento delle corde tendinee 
- Irrigidimento dei lembi valvolari, con restringimento della valvola che assume una forma ad imbuto



 


Esiti di cardite reumatica sulla valvola mitral

 

La stenosi mitralica è un restringimento della valvola mitralica che determina ostruzione di grado variabile all’efflusso di sangue dall’atrio al ventricolo sinistro, durante il riempimento diastolico del ventricolo sinistro. L’orifizio valvolare mitralico normale ha un’area di 4-6 cm². E’ la seconda malattia valvolare in ordine di frequenza. Si manifesta in forma isolata nel 45% dei casi ed associata ad altre valvulopatie nel restante 55%. Classificazione In base alla riduzione dell’area valvolare si distinguono tre gradi di stenosi mitralica
- SM Lieve: Area 2 - 1.5 cm²
- SM Moderata: Area 1.5 – 1 cm²
- SM Severa: Area 1 – 0.6 cm²
- SM Serrata: Area < 0.5 cm²


Fisiopatologia

Una riduzione dell’orifizio valvolare a valori inferiori a 2,5 cmq determina un aumento della pressione atriale sinistra. Poiché la pressione ventricolare sinistra rimane normale, si instaura un “gradiente transvalvolare ”. Il gradiente transvalvolare dipende dalle dimensioni dell’orifizio valvolare e dal flusso attraverso la valvola. Il flusso

dipende dalla portata cardiaca e dalla durata della diastole.
L’ostacolo all’efflusso determina un aumento della pressione in atrio sinistro, che causa dilatazione atriale e che si ripercuote a monte, a livello del circolo polmonare, con aumento di pressione e della distensione delle vene e dei capillari polmonari. Ciò causa incremento del contenuto idrico del polmone, dapprima intravascolare e poi extravascolare. Il liquido trasudato diminuisce la compliance del polmone, accrescendo il lavoro respiratorio. Con il tempo il polmone diventa rigido per fibrosi: il sintomo è la dispnea , che aumenta con lo sforzo ma è presente anche a riposo. L’attività fisica determina aumento del flusso transvalvolare e, in seguito all’aumento della frequenza cardiaca, riduzione del riempimento di

astolico; pertanto causa un marcato aumento della pressione atriale sinistra e capillare polmonare, che si manifesta con la dispnea . La più grave manifestazione della congestione polmonare è l’edema polmonare , che si verifica quando la p

ressione capillare polmonare supera la pressione oncotica ( 25-30 mmHg ). La tachicardia, riducendo il tempo di riempimento diastolico, aument

a il gradiente di pressione transvalvolare. L’eccessivo e prolungato aumento della pressione polmonare (>70 mmHg) rappresenta un impedimento allo svuotamento del ventricolo destro, la cui ridotta contrattilità determina insufficienza cardiaca destra, con congestione sistemica.



  
Sintomatologia

I sintomi in genere non compaiono prima che l’area valvolare sia scesa al di sotto di 1.2 cm 2 e sono determinati dalle due variazioni emodinamiche tipiche della valvulopatia: il gradiente atrio- ventricolare, con aumento della pressione atriale sn e polmonare:

DISPNEA (dapprima da sforzo, successivamente anche a riposo) ORTOPNEA DISPNEA PAROSSISTICA NOTTURNA EDEMA POLMONARE EMOTTISI

Successivamente alla riduzione della portata cardiaca possono comparire ASTENIA ED AFFATICAMENTO Palpitazioni ed embolie sistemiche possono essere manifestazioni di fibrillazione atriale, frequente complicanza della stenosi mitralica.


Esame obiettivo

ISPEZIONE: FACIES MITRALICA ( colore rosso-cianotico degli zigomi con cianosi dei prolabi ) PALPAZIONE: Itto puntale normale o ridotto, impulso ventricolare prominente ASCULTAZIONE: Accentuazione del I tono, Schiocco d’apertura della valvola mitrale Rullio mesodiastolico, con rinforzo pre-sistolico, sul focolaio di auscultazione mitralico ( IV-V sp. Intercostale sin sull’emiclaveare ) irradiato all’ascella Focolai di auscultazione cardiaci Focolaio mitrali co : IV-V spazio intercostale sin sulla linea emiclaveare 
Focolaio tricuspidale :  V spazio intercostale dx sulla linea marginosternale Focolaio aortic o: II spazio intercostale dx sulla marginosternale Focolaio polmonare : II spazio intercostale sin sulla marginosternale



 












Tricuspide

 Aorta                                                      Polmonare












Mitrale

     
   
 


Toni Cardiaci

Primo tono : corrisponde all’inizio della sistole e comprende una c omponente valvolare : chiusura delle valvole atrio-ventricolari ed una c omponente miocardica : contrazione ventricolare.

Secondo tono : corrisponde all’inizio della diastole. E’ determinato dalla chiusura delle valvole semilunari aortica e polmonare.

Terzo tono : corrisponde alla fase di riempimento rapido ventricolare; può essere udibile in presenza di cardiomiopatia dilatativa ( galoppo protodiastolico ). E’ determinato dalla vibrazione della parete ventricolare in seguito al riempimento rapido.

Quarto tono : precede il I tono di 3-4 centesimi di sec, per cui normalmente non si apprezza; può essere udibile in caso di anelasticità della parte ventricolare o di turbe del ritmo ( galoppo presistolico ). E’ determinato dalla contrazione della muscolatura atriale e dalla vibrazione della parete ventricolare in seguito al riempimento rapido determinato dalla contrazione atriale.





Reperto auscultatorio nella stenosi mitralica 


Test diagnostici

ELETTROCARDIOGRAMMA: può mettere in evidenza la presenza di fibrillazione atriale, una tachiaritmia sopraventricolare che rappresenta una complicanza frequente della stenosi mitralica, in quanto favorita dalla marcata dilatazione atriale; possono inoltre essere presneti segni di ingrandimento atriale sinistro e di sovraccarico ventricolare destro.


RX TORACE: mostra la presenza di congestione polmonare; inoltre possono essere presenti i segni dell’ingrandimento atriale sinistro, nonché una sporgenza dell’arteria polmonare e la dilatazione delle sezioni cardiache destre.


ECOCARDIOGRAMMA: rappresenta l’esame di elezione per la diagnostica di tutte le valvulopatie. Nella stenosi mitralica in particolare permette di misurare l’area valvolare, il gradiente transmitralico (tra atrio e ventricolo sinistro), l’entità della dilatazione atriale e la pressione polmonare, tutti parametri utili per valutare il grado della patologia e seguire il paziente nel tempo, potendo stabilire il momento ideale per il trattamento correttivo.


CATETERISMO CARDIACO: si utilizzava in passato per misurare il gradiente pressorio transvalvolare, l’area valvolare mitralica e le pressioni e resistenze polmonari, tutti parametri che oggi si misurano con l’ecocardiografia; pertanto nei pazienti con stenosi mitralica si ricorre all’emodinamica non per la diagnosi ma per studiare l’albero coronario prima dell’eventuale intervento di sostituzione valvolare chirurgica.


Trattamento

TERAPIA MEDICA In presenza di una qualsiasi patologia che coinvolga l’endocardio, è fondamentale in caso di qualsiasi trattamento che preveda un approccio chirurgico (anche un’avulsione dentaria) attuare una profilassi antibiotica dell’endocardite batterica. I farmaci più utili sono i Beta-bloccanti o i Ca-antagonisti non diidropiridinici,: in quanto riducendo la frequenza cardiaca aumentano il tempo di riempimento diastolico a favore della portata cardiaca; riducono anche la tachicardia da sforzo. I vasodilatatori , soprattutto i nitrati, riducono il pre-carico e quindi la pressione atriale sinistra. I Diuretici riducono la congestione polmonare.

Quando la stenosi mitralica è serrata e la terapia medica non è più efficace, bisogna ricorrere al trattamento interventistico, che comprende la VALVULOPLASTICA PERCUTANEA o la TERAPIA CHIRURGICA.

La Valvuloplastica Percutanea è una tecnica di cardiologia interventistica e viene pertanto eseguita in laboratorio di emodinamica per via percutanea, senza quindi approccio chirurgico. Si esegue mediante un catetere munito in punta di un palloncino (il catetere di Inoue); il catetere viene introdotto attraverso la vena femorale fino all’atro destro; da qui, attraverso la puntura transattale, viene portato in atrio sinistro ed il palloncino sgonfio viene posizionato a cavallo della valvola mitrale; si gonfia quindi la parte terminale del palloncio e si tira indietro il catetere, in modo di posizionare il palloncino sull’orifizio mitralico; si gonfia quindi tutto il palloncino, determinando così la dilatazione dell’orifizio valvolare stenotico. 





Catetere di Inoue    



                                                                                            Tecnica della valvuloplastica mitralica percutanea


 

 

Per potere eseguire la valvulopastica è necessario che la valvola non sia molto calcifica e che l’apparato sottovalvolare (corde tendinee e muscoli papillari) sia ben conservato. Se non sono presenti queste condizioni e la valvola è un unico blocco di calcio, con la valvuloplastica se ne può determinare la rottura, con conseguente insufficienza mitralica massiva.

In questi casi si deve pertanto ricorrere alla sostituzione valvolare chirurgica. Indicazioni alla valvuloplastica mitralica per cutanea, secondo le Linee Guida


NYHA II-IV

area ≤ 1.5 cm² e morfologia valvolare favorevole in assenza di trombo atriale sinistro o di IM moderata o grave.


Classe I


Asintomatici, area ≤ 1.5 cm² e morfologia valvolare favorevole, PAPs: 50 mmHg a riposo o 60 mmHg sotto sforzo
Classe IIa


NYHA II-IV,

area ≤ 1.5 cm² e valvola ipomobile e calcifica che sono ad alto rischio di intervento chirurgico.

Classe IIa
Asintomatici, area ≤ 1.5 cm² , con fibrillazione atriale a esordio recente  Classe IIb

NYHA II-IV

area ≤ 1.5 cm² e valvola ipomobile e calcifica che sono ad basso rischio di intervento chirurgico.

Classe IIb
Stenosi mitralica lieve Classe III

 

 

INSUFFICIENZA MITRALICA


Alterazione delle componenti dell’apparato valvolare mitralico (lembi, anello, corde tendinee o muscoli papillari) che determina una incompleta chiusura della valvola durante la sistole ventricolare, con reflusso di sangue dal ventricolo sinistro all’atrio sinistro.

 

Eziologia
Può essere primitiva, per alterazione primitiva dell’apparato valvolare, o secondaria, per disfunzione dell’apparato valvolare, da danno localizzato o da dilatazione della camera ventricolare sinistra.
Può essere dovuta ad alterazioni dei lembi valvolari, nei casi di endocardite reumatica, endocardite infettiva, anomalie congenite (difetto dei cuscinetti endocardici), o anomalie del connettivo (Marfan, Elhers-Danlos); ad alterazioni dell’anulus, determinate da calcificazioni idiopatiche o dalla dilatazione del ventricolo sinistro; ad alterazioni dei muscoli papillari, tipo allungamento o rottura, secondari a cardiopatia ischemica o a trauma, o tipo malallineamento, in caso di aneurisma
ventricolare sinistro, cardiomiopatia ipertrofica o fibroelastosi endomiocardica; ed infine ad alterazioni delle corde tendinee, tipo rottura, che può essere idiomatica, o da endocardite infettiva (anche reumatica), cardiopatia ischemica o trauma, o tipo allungamento, che può essere idiomatico o da alterazione del collagene.
In base all’eziologia le alterazioni della valvola possono essere differenti.
MALATTIA REUMATICA: I lembi valvolari vanno incontro a fenomeni di accorciamento, deformità e retrazione.
ALTERAZIONI DEGENERATIVE: più frequente la forma mixoide che causa lembi prolassanti e rottura delle corde tendinee.
CARDIOPATIA ISCHEMICA: rottura dei muscoli papillari.
ENDOCARDITE INFETTIVA: perforazione dei lembi, distruzione delle corde tendinee.

 

 

Fisiopatologia
La chiusura della valvola mitrale è quasi completa ancora prima del periodo della contrazione isometrica.

Al momento della sistole ventricolare la circonferenza dell’anello mitralico si riduce e questo consente ai lembi valvolari di collabire. L’anello valvolare scende un po’ nella cavità ventricolare, le pareti del ventricolo si avvicinano, l’accorciamento dei muscoli papillari mantiene in tensione le corde e previene il prolasso dei lembi mitralici in atrio sinistro.
L’alterata sovrapposizione dei lembi valvolari mitralici determina, durante la sistole, un rigurgito attraverso l’orifizio.

La malattia è definita dall’entità del rigurgito e dai meccanismi di adattamento del ventricolo sinistro. L’entità del rigurgito dipende da area dell’orifizio, durata della sistole e differenza di pressione tra ventricolo ed atrio sinistro.

 

 

 

 

Caratteristiche del rigurgito mitralico in base all’eziologia

 

Essendo la pressione in atrio più bassa che in aorta, il sangue all’inizio della contrazione ventricolare può rigurgitare in atrio, per cui manca la sistole isovolumetrica ed il rigurgito è olosistolico.
Si crea un sovraccarico di volume per il ventricolo sinistro, che ad ogni diastole deve accogliere,
oltre alla quota di sangue proveniente dal circolo polmonare attraverso l’atrio sinistro, anche quella rigurgitata in atrio durante la sistole precedente (caput mortuum), con conseguente progressiva dilatazione.
Si distinguono una forma Acuta, dovuta di solito a rottura di corde tendinee, disfunzione di un papillare o a perforazione, che si possono verificare in caso di infarto miocardio acuto, endocardite batterica, o complicanze post-operatorie di chirurgia cardiaca, ed una forma Cronica, dovuta di solito a malattia reumatica, malattie del collageno, prolasso mitralico, muscolo papillare unico con mitrale a “paracadute” (prolassante in atrio sinistro

Nelle forme CRONICHE il ventricolo sinistro si adatta al sovraccarico andando incontro a dilatazione. Nelle fasi iniziali della malattia la funzione contrattile si mantiene normale.
La Frazione di Eiezione è in questa fase della malattia normale o addirittura aumentata, in quanto data dalla formula F.E.= VTD – VTS/VTD, dove VTD è il volume del telediastolico del ventricolo sinistro e VTS quello telesistolico. Infatti il volume telediastolico è aumentato, mentre il volume telesistolico è diminuito a causa della quota di sangue che rigurgita in atrio sinistro

Pertanto una frazione d’eiezione lievemente depressa è indice di una severa compromissione dellafunzione ventricolare sinistra. ll VTS, che misura la quantità di sangue che rimane nel ventricolo alla fine della sistole, rappresenta un indice molto utile per la valutazione della funzione ventricolare.

Quando il Vsn presenta un’insufficienza contrattile la prima manifestazione è il suo non completo svuotamento, e quindi l’aumento del VTS.

Nella forma CRONICA l’atrio sinistro si dilata notevolmente. Non si determina ipertensione polmonare.

Tuttavia nel tempo il ventricolo sinistro, sottoposto al sovraccarico di volume, può andare incontro ad un deficit contrattile. Inoltre la dilatazione del ventricolo sinistro causa dilatazione dell’anulus mitralico e quindi un ulteriore aumento del rigurgito, con evoluzione verso lo scompenso cardiaco.
Nella forma ACUTA (rottura di corde tendinee in corso di endocardite infettiva, o rottura di un muscolo papillare in corso di infarto acuto del miocardio), un rigurgito di sangue massivo ed improvviso non consente al cuore di adattarsi. Pertanto l’elevata pressione che si instaura in atrio sinistro si ripercuote a livello polmonare, con rapida evoluzione verso l’edema polmonare acuto.

 

Sintomatologia
Nella forma CRONICA i sintomi compaiono gradualmente e possono rimanere molto sfumati per diversi anni; sono legati alla riduzione della gittata sistolica e sono facile affaticabilità e ridotta tolleranza allo sforzo. Quando si rende manifesta la disfunzione ventricolare sinistra compare dispnea da sforzo. In presenza di disfunzione ventricolare conclamata compare dispnea a riposo, dispnea parossistica notturna, edema polmonare acuto e sintomi di insufficienza congestizia.
A causa della dilatazione dell’atrio sinistro può comparire fibrillazione atriale, che influenza negativamente il decorso della patologia.
Nell’insufficienza mitralica ACUTA i sintomi esordiscono in modo ingravescente e sono Dispnea per sforzi di lieve entità, spesso anche a riposo, ridotta tolleranza allo sforzo ed edema polmonare acuto.

 

Esame obiettivo
Itto della punta sollevante e rapido, spesso spostato in basso e a sinistra. Soffio olosistolico che copre il I tono sul focolaio mitralico, meglio udibile alla punta e irradiato all’ascella.

 

Test diagnostici
ELETTROCARDIOGRAMMA: non dà informazioni specifiche; può mettere in evidenza fibrillazione atriale mostrare i segni del sovraccarico atriale e ventricolare sinistro.
RX TORACE: non dà informazioni specifiche; può mostrare, quando presente, la congestione polmonare.
ECOCARDIOGRAMMA: rappresenta l’esame d’elezione, in quanto permette di quantificare
dimensioni e funzione ventricolare e atriale sinistra e rigurgito mitralico, permettendo quindi di tenere sotto controllo l’entità della compromissione contrattile e stabilire il momento ideale per la correzione della valvulopatia.

CATETERISMO CARDIACO: si utilizzava in passato per misurare la pressione atriale sinistra (aumentata nelle forme acute e in quelle croniche con atrio poco compliante) eper quantificare con la ventricolografia l’entità del rigurgito, tutti parametri che oggi si misurano con l’ecocardiografia; pertanto nei pazienti con insufficienza mitralica si ricorre all’emodinamica non per la diagnosi ma per studiare l’albero coronario prima dell’eventuale intervento di sostituzione valvolare chirurgica.


Trattamento
TERAPIA MEDICA. La prima cosa da ricordare è sempre la profilassi antibiotica dell’endocardite batterica.
I Vasodilatatori riducono il post-carico durante la fase di eiezione aortica e quindi la pressione endoventricolare, riducendo l’entità del rigurgito
La Digitale è un cardiocinetico e può essere utile per migliorare la contrattilità. I Diuretici sono utili solo se è presente congestione polmonare.

Quando con il trattamento farmacologico non si ottiene miglioramento della sintomatologia e l’insufficienza è grave bisogna ricorrere alla TERAPIA CHIRURGICA.
Nella forma acuta massiva è necessario l’intervento chirurgi urgente.
Per l’indicazione alla chirurgia bisogna tenere sotto controllo i parametri di contrattilità, per evitare di operare il paziente quando ormai la funzione contrattile è talmente compromessa che non si ha alcun recupero dopo l’intervento. Un buon indice in tal senso è il VTS, che deve essere ≤ 40 ml/m².
E’ utile anche valutare il rapporto tra Pressione arteriosa Max e VTS, che deve essere < 3.


PROLASSO MITRALICO


Alterazione della valvola mitrale che determina ridondanza dei lembi con prolasso (protrusione oltre il piano atrioventricolare durante la sistole ventricolare) o sbandieramento verso l’atrio sinistro.

Possono essere interessati entrambi i lembi valvolari, più comunemente il lembo posteriore.

 

Incidenza e prevalenza
E’ presente in circa 6% della popolazione, più frequente nel sesso femminile. La maggior parte dei pazienti sono asintomatici e la diagnosi è spesso occasionale.
Eziopatogenesi
Forme PRIMARIE, possono essere familiari e non, dovute a sindrome di Marfan o altre patologie dei tessuti connettivali.
Forme SECONDARIE, possono essere determinate da cardiopatia ischemica, lesioni reumatiche, cavità ventricolare sinistra ridotta, difetti interatriali, ipertensione polmonare.
In alcuni casi è presente una degenerazione mixomatosa a livello dei lembi valvolari mitralici con aumento dei polisaccaridi acidi.

 

Fisiopatologia
La maggioranza dei casi non presenta insufficienza mitralica. In circa il 10% dei casi può insorgere una insufficienza mitralica progressiva, per esagerata fluttuazione della valvola o per sovrapposta endocardite batterica (da qui l’importanza di una profilassi antibatterica estensiva in caso di qualsiasi procedura invasiva).

 

Sintomatologia
DOLORE TORACE ATIPICO, retrosternale, prolungato, non correlato con l’esercizio fisico.

Un eccessivo stiramento delle corde tendinee è stato suggerito quale possibile meccanismo del doloretoracico.

La tensione aumentata delle corde tendinee causa presumibilmente una trazione forzata sui muscoli papillari e sulla parete adiacente del ventricolo sinistro, che può determinare modificazioni a livello dei muscoli papillari e del flusso ematico subendocardico.
PALPITAZIONI E SINCOPI, legati alla comparsa di aritmie sopraventricolari e ventricolari.

Sembra possano essere dovute ad aumentata attività adrenergica.

Esame obiettivo
All’ ascultazione: click mesotelesistolico, dovuto al rapido tendersi delle corde tendinee allungate o al lembo prolassante quando raggiunge la sua massima estensione. Soffio mesosistolico dopo il click quando c’è insufficienza mitralica.

 

Test diagnostici
ELETTROCARDIOGRAMMA: può essere normale o mostrare alterazioni del tratto ST e dell’onda T (soprattutto nelle derivazioni inferiori)
RX TORACE: non dà informazioni specifiche
ECOCARDIOGRAMMA: è come sempre l’esame diagnostico ideale, in quanto permette di fare la diagnosi e consente un’appropriata valutazione del movimento dei lembi mitralici e del rigurgito.

 

Terapia
Come sempre è indicata la terapia antibiotica per la profilassi dell’endocardite batterica.
Quando è presente insufficienza mitralica significativa, è indicata la terapia di questa valvulopatia.
Trovano indicazione i beta-bloccanti per il trattamento delle precordialgie e gli antiaritmici in caso di tachiaritmie.


STENOSI AORTICA
Malattia congenita o acquisita delle semilunari aortiche, caratterizzata da ostruzione al flusso di sangue dal ventricolo sinistro all’aorta, con sviluppo di gradiente pressorio transvalvolare ed ipertrofia di tipo concentrico del ventricolo sinistro

 

 

Si distinguono una forma Congenita, che si instaura su una valvola mono- bi o tricuspide, in quanto l’ lterazione valvolare determina flusso turbolento che deteriora i lembi valvolari e determina successivante fibrosi, rigidità e calcificazione della valvola, ed una forma Acquisita, che può essere calcifica-degenerativa, da reumatismo articolare acuto o da artrite reumatoide

Eziologia e patogenesi
La degenerazione fibro-calcifica di una valvola aortica congenitamente malformata (spesso bicuspide) è una fenomeno accentuato dal trauma meccanico del flusso turbolento del sangue e rappresenta la causa più frequente di stenosi aortica nella IV-V decade di vita.
La degenerazione fibro-calcifica senile è caratterizzata da depositi nodulari di calcio sul versante aortico delle cuspidi valvolari e dall’assenza di fusione delle commessure, ed è la causa più frequente nella VII-VIII decade di vita.
La malattia fibro-calcifica post infiammatoria (malattia reumatica) è caratterizzata
dall’l’ispessimento delle cuspidi valvolari, dalla fusione delle commissure, dall’arretrazione e accorciamento dei margini, aggravati nel tempo dall’apposizione di calcificazioni, che riducono l’orifizio valvolare ad una piccola apertura circolare o triangolare. Possono essere interessate anche la valvola mitrale e, in minor misura, la valvola tricuspide.

Rappresenta la causa più frequente nella VI decade di vita.
L’area valvolare aortica normale è compresa tra 2 e 3 cmq (in relazione alla superficie corporea); si parla di stenosi significativa quando l’area valvolare è inferiore a 1,5 cmq. La stenosi aortica diventa sintomatica allorquando l’ostio valvolare è ristretto ad 1 cmq o meno.

 

Fisiopatologia
L’orifizio aortico ha nell’adulto un’area normale di 3- 4 cm². Una sua riduzione del 50% genera resistenza all’eiezione ventricolare e aumento della pressione intraventricolare sinistra, con sviluppo di un gradiente pressorio tra ventricolo sinistro ed aorta, la cui entità dipende dal grado di stenosi.
Il ventricolo sinistro può adeguarsi al sovraccarico pressorio cronico mediante un’ipertrofia concentrica. Il risultato è l’aumento della massa muscolare miocardica, senza dilatazione della cavità ventricolare sinistra. Il meccanismo di compenso dell’ipertofia comporta, però, un marcato aumento del fabbisogno di ossigeno delle fibre muscolari cardiache.
Esiste una correlazione inversa tra lo stress di parete e la frazione di eiezione.

La riduzione di quest’ultima si verifica nei casi in cui l’ispessimento di parete non sia adeguatamente elevato o
l’ipertrofia risulti inadeguata, con risultante eccessivo stress di parete, che in base alla Legge di Laplace è dato dalla formula STRESS = P x r/2h, dove P è la pressione endocavitaria, r è il raggio della cavità ed h lo spessore della parete.

Se la contrattilità ventricolare sinistra si riduce, o se si verifica un critico incremento dell’ostruzione valvolare, si produce una dilatazione ventricolare: disfunzione sistolica del ventricolo sinistro.
L’ipertrofia concentrica spesso comporta una ridotta compliance ventricolare; così l’aumento della pressione diastolica ventricolare sinistra, senza dilatazione della camera ventricolare, riflette un altro processo fisiopatologico: disfunzione diastolica del ventricolo sinistro. 

 

Manifestazioni cliniche
Sono da mettere in relazione con aumento del consumo di O2 miocardico, compressione delle arterie coronarie, riduzione della compliance del Vsn con aumento della pressione diastolica ventricolare (in questo caso l’apporto atriale è indispensabile per un buon funzionamento cardiaco).
Angina pectoris: è secondaria alla discrepanza tra aumento delle richieste di O2 da parte del miocardio ipetrofico ed ipoperfusione coronaria.
Sincope: è secondaria alla riduzione della perfusione cerebrale che si verifica durante uno sforzo (calo della pressione sistemica per vasodilatazione periferica senza adeguato aumento della portata cardiaca).

Può essere determinata anche da aritmie ipercinetiche che possono insorgere durante lo sforzo per l’eccessivo aumento della pressione endoventricolare sinistra.

Durante attività fisica infatti si ha un fisiologico incremento della pressione arteriosa sistemica. In presenza di stenosi aortica il ventricolo deve quindi aumentare notevolmente la sua pressione in modo da superare quella aortica e far si che la valvola aortica si apra.
Dispnea: compare in uno stadio avanzato, quando vengono meno i meccanismi compensatori e il
ventricolo si dilata e la portata cardiaca e la Frazione di Eiezione si riducono.
Complicanze
Morte improvvisa. E’ un’evenienza temibile, da tenere in considerazione soprattutto dopo la
comparsa dei sintomi, ma non solamente, poiché a volte può rappresentare l’esordio della patologia.
Si verifica più frequentemente durante uno sforzo eccessivo, per ipoafflusso cerebrale o per la
comparsa di tachiaritmie ventricolari gravi, scatenate dall’eccessivo aumento della pressione
endoventricolare.Endocardite infettiva, Embolie calcifichi, Fibrillazione atriale, dissezione aortica
disturbi di conduzione.
Esame obiettivo
Polso arterioso piccolo e tardo, riduzione della pressione arteriosa differenziale.
Alla palpazione: fremito sistolico sul secondo spazio intercostale destro sulla linea marginosternale;
itto della punta intenso e sostenuto al quinto spazio intercostale sinistro sulla linea emiclaveare.
Auscultazione: soffio sistolico di tipo eiettivo sul focolaio aortico, rude o aspro, con caratteristica
morfologia “a diamante”, in crescendo-decrescendo, spesso irradiato verso i vasi del collo. Click
d’eiezione. La componente aortica del II tono (A2) risulta spesso ridotta d’intensità o fusa con la
componente polmonare (P2) o dopo la componente polmonare (sdoppiamento paradosso del II
tono). Può essere presente IV tono aggiunto presistolico, in corrispondenza della più energica
contrazione atriale.
Test diagnostici
ELETTROCARDIOGRAMMA: si possono rilevare i segni di ipertrofia ventricolare sin, con
turbe secondarie della ripolarizzazione ventricolare
RX TORACE: può essere presente profilo cardiaco con configurazione aortica: apice cardiaco
arrotondato (in casi di marcata ipertrofia) e maggiore sporgenza verso sinistra.
ECOCARDIOGRAMMA: valutazione della valvulopatia e dei parametri di funzione ventricolare.
Molto utile per differenziare la stenosi aortica valvolare da quella sottovalvolare e sopravalvolare,
per valutare l’entità del gradiente, attraverso cui si stabilisce la gravità della patologia, e l’entità
dell’ipertrofia ventricolare.
CATETERISMO CARDIACO: una volta si utilizzava per misurare il gradiente pressorio
transvalvolare e per localizzare la sede della stenosi, dati che ormari siricavano con
l’ecocardiografia.
Trattamento
TERAPIA MEDICA: Profilassi antibiotica dell’endocardite batterica. E’ prudente l’esclusione
dell’attività fisica importante o competitiva. Per i pazienti asintomatici non è richiesta terapia
medica.
VALVULOPLASTICA PERCUTANEA: è da riservare solo a casi particolari, a rischio di vita e
quando la chirurgia è assolutamente controindicata, poiché i risultati a lungo termine non sono
buoni, in quanto la stenosi si riforma; rappresenta pertanto solo un trattamento palliativo in casi
estremi.
SOSTITUZIONE AORTICA PERCUTANEA.
SOSTITUZIONE CHIRURGICA


Indicazioni alla sostituzione valvolare nella stenosi aortica

 

Pz sintomatici con SA grave Classe I
Pz con SA grave sottoposti a intervento chirurgico di bypass coronarico Classe I
Pz con SA grave sottoposti a interventochirurgico sull’Aorta o su altre valvole cardiache. Classe I
Pazienti asintomatici con SA grave e disfunzione sistolica del Vsn
Classe IIa
Risposta anomala allo sforzo (ipotensione) Classe IIa

Sostituzione Valvolare Aortica Percutanea
Consiste nell’impianto per via per cutanea di una valvola aortica premontata su uno stent metallico.
L’impiego di questa nuova metodica è nato dal fatto che il 31.8% dei pazienti affetti da stenosi
aortica non vengono sottoposti all’intervento chirurgico, nonostante sintomi da classe NYHA III-IV,
per CAUSE CARDIACHE: riduzione della funzione ventricolare dopo il trattamento, valvulopatia
in fase molto avanzata, ma soprattutto per CAUSE EXTRACARDIACHE: età avanzata, comorbidità

importanti, rifiuto da parte del paziente.
Esistono due tipi di valvole impiantabili per via percutanea

 

 

   

                            CoreValve Revalving System                                                            Protesi di Cribier Edwards

 

 

 


 

La protesi può essere posizionato attraverso tre tipi di approccio:
Approccio “Anterogrado”
Attrasverso puntura della vena femorale si raggiunge l’atrio destro, da cui attraverso puntura

transettale si passa in atrio sinistro e da qui, attraverso la valvola mitrale, in ventricolo sinistro. E’ caratterizzato da minor rischio di embolizzazione di placche durante il passaggio della protesi; è però necessaria la puntura transettale e la dilatazione del setto interatriale con pallone da 10 mm; sipuò determinare trauma del lembo mitralico da parte della guida rigida e che può causareinsufficienza mitralica acuta; infine la presenza di lieve ipertrofia del VSn può rendere difficoltoso manovrare la protesi all’interno della cavità.

 

 

Approccio “Retrogrado”
Attraverso puntura dell’arteria femorale si raggiunge direttamente il ventricolo sinistro per via retrograda.Si tratta di una metodica più semplice e più sicura; non è necessaria la untura transattale; annulla il rischio di danni al lembo della mitrale, però è più alto il rischio di lesioni vascolari, in quanto si passa attraverso il letto vascolare arterioso.

 

 

 


Approccio “Transapicale”
Attraverso mini-toracotomia antero-laterale sinistra di 5 cm si introduce il device per puntura cardiaca diretta.

 

 

La procedura è eseguibile anche in caso di inadeguati accessi vascolari e tortuosità dell’aorta. E’ un

approccio “semi-chirurgico”, per cui necessita di anestesia generale, ed i tempi di procedura sono
piu’ prolungati.
Potenziali complicanze si possono verificare con tutte le tecniche e consistono in embolizzazione
della protesi (perdita della protesi in circolo prima dell’impianto, leak paraprotesico (passaggio di
sangue tra la parete aortica e la protesi, quindi insufficienza aortica periprotesica), ostruzione degli
osti coronarici.


INSUFFICIENZA AORTICA


E’ caratterizzata da reflusso diastolico dall’aorta in ventricolo sinistro per lesioni dei lembi valvolari
semilunari aortici o dell’aorta ascendente con coinvolgimento dei lembi valvolari.
L’insufficienza valvolare si può instaurare progressivamente, dando tempo al ventricolo di
compensare il difetto (insufficienza cronica), oppure rapidamente con effetti spesso gravi
(insufficienza acuta).
Eziopatogenesi
La forma CRONICA può essere determinata da LESIONI VALVOLARI: endocardite reumatica o
malformazioni congenite, quali Valvola bicuspide, difetto interventricolare e collagenopatie, o da
LESIONI PARIETALI, come nel caso di sifilide, spondilite anchilosante, sindrome di Reiter,
sindrome di Marfan, dilatazione idiomatica, ipertensione grave
La forma ACUTA può essere determinata da LESIONI VALVOLARI, dovute a endocardite
infettiva acuta o trauma, o da LESIONI PARIETALI, come nel caso di dissezione aortica.

 

 

 

Fisiopatologia
Il Vsin ad ogni diastole deve accogliere il sangue che proviene dall’atrio sinistro e quello che torna
indietro dall’aorta (caput mortuum). Il sovraccarico di volume del Vsin è la conseguenza
emodinamica di base del difetto. L’entità del sovraccarico dipende dal volume del flusso ematico
rigurgitante che è determinato da: area dell’orifizio rigurgitante, gradiente pressorio aorta-Vsin e
durata della diastole.
Ad ogni sistole la gittata è doppia rispetto al normale (quota che rigurgita + quota anterograda); si
verifica un aumento della pressione sistolica arteriosa e una stimolazione dei barocettori carotidei
che determina vasodilatazione periferica riflessa (più basse sono le resistenze, tanto minore è la
quota di sangue che torna indietro in ventricolo).
Durante l’esercizio fisico la vasodilatazione periferica si accentua ancor di più e consente al
ventricolo di aumentare la portata. Inoltre la riduzione della durata della diastole, per aumento della
frequenza cardiaca, fa sì che durante lo sforzo il rigurgito diminuisca. Ciò spiega l’ottima resistenza
all’esercizio fisico di molti pz con IAo. Con il tempo la funzione ventricolare comincia a
deteriorarsi e si assiste spesso ad un catastrofico peggioramento.
Nell’IAo cronica il ventricolo si adatta al sovraccarico di volume con dilatazione e lieve ipertrofia
eccentrica; il marcato aumento del volume telediastolico ventricolare mantiene una adeguata
funzione sistolica che nel tempo, progressivamente, si deteriora, arrivando all’insufficienza
ventricolare sinistra.
Nell’IAo acuta manca il tempo per sviluppare la dilatazione e relativa ipertrofia in risposta
all’improvviso sovraccarico di volume, per cui si verifica un aumento cospicuo della pressione
telediastolica, a volte ipertensione venosa polmonare ed edema polmonare acuto.
Sintomatologia
L’IAo CRONICA può mantenersi asintomatica per anni; la comparsa dei sintomi è indicazione alla
correzione chirurgica; i sintomi possono essere: astenia, dispnea da sforzo, dispnea parossistica
notturna, angina pectoris, edema polmonare acuto.
L’IAo ACUTA si manifesta con ipotensione, sincope, edema polmonare acuto, shock cardiogeno.
Esame Obiettivo
Nell’IAO CRONICA all’ispezione, in seguito all’aumento della pressione differenziale,
determinato dalla marcata riduzione della pressione diastolica, sono evidenti il polso scoccante di
Corrigan ed il movimento sistolico del capo, sincrono con il polso (segno di De Musset).
Alla palpazione l’itto della punta è iperdinamico e spostato in basso ed a sinistra.
All’auscultazione si rileva soffio diastolico da rigurgito, dolce, lungo la marginosternale destra e
rullio mesotelediastolico mitralico (soffio di Austin-Flint) determinato dal flusso transmitralico
attraverso un orifizio di calibro ridotto dallo spostamento del lembo anteriore mitralico da parte del
rigurgito aortico; la componente aortica del II tono può essere ridotta.
Nell’IAo ACUTA all’ispezione non è presente il polso scoccante e c’è solo scarso aumento della
pressione differenziale; all’auscultazione si rileva I tono di intensità ridotta, II tono accentuato,
Frequenti III e IV tono (ritmo di galoppo) ed un soffio diastolico breve.
Test diagnostici
ELETTROCARDIOGRAMMA: può mostrare aAumento di voltaggio del QRS e
Sottoslivellamento ST-T, dovuti a sovraccarico del ventricolo sinistro.
RX TORACE: III arco di sinistra allungato e prominente
ECOCARDIOGRAMMA: è l’esame diagnostico e consente di valutare l’entità del rigurgito e le
dimensioni e funzione del ventricolo sinistro.
Indicazioni all’ Ecocardiografia transtoracica nell’insufficienza aortica: confermare la diagnosi
e la severità di una IAo acuta; diagnosi di IAo cronica in pazienti con segni fisici non specifici;
valutare l’eziologia del rigurgito (morfologia valvolare, diametro e morfologia della radice
aortica); valutare il grado di dilatazione del Vsn, dimensioni e funzione sistolica; valutazione
semiquantitativa della severità della IAo; rivalutazione di pazienti con IAo media, moderata o
severa che presentano nuovi sintomi o un loro cambiamento.
CATETERISMO CARDIACO: necessario solo nei pazienti con indicazione chirurgica, per
visualizzare le coronarie. Con l’aortografia si può quantizzare il rigurgito aortico.
Trattamento
TERAPIA MEDICA: Profilassi antibiotica dell’endocardite batterica. I vasodilatatori (Caantagonisti,
ACE-inibitori) riducono il post-carico; la digitale ha azione inotropa positiva quando la
contrattilità è depressa; i diuretici sono indicati quando c’è stasi venosa polmonare.
TERAPIA CHIRURGICA
Pazienti sintomatici in classe NYHA III hanno chiara indicazione chirurgica. Oggi si consiglia di
intervenire “prima” che la funzione ventricolare sia deteriorata.
L’indicazione va considerata quando all’ecocardiogramma si riscontrano:
- DTD >75 mm
- DTS >55 mm
- FE >50 %
- Dilatazione Ao ascendente >55 mm
Molto controversa appare l’indicazione i pz in IV classe NYHA, in cui l’intervento non può
modificare la pessima storia naturale della malattia.


STENOSI TRICUSPIDALE


Condizione clinica caratterizzata da ostacolo attraverso la valvola tricuspide al flusso di sangue
dall’atrio al ventricolo destro durante il riempimento diastolico del ventricolo.
Eziologia
E’ estremamente rara come lesione isolata; solitamente si associa ad una valvulopatia mitralica ed
aortica ed è più comune nel sesso femminile. Può essere causata da: cardiopatia reumatica, mixoma
atriale o formazioni trombotiche (ostruzione meccanica dell’ostio valvolare), vegetazioni secondarie
ad endocardite infettiva.
Fisiopatologia
In condizioni normali l’area della tricuspide è di circa 5-7 cm². Il restringimento dell’orifizio
valvolare inferiore a 1,5 cm² crea un significativo ostacolo al riempimento del ventricolo destro. Le
principali conseguenze emodinamiche sono l’aumento delle pressioni in atrio destro e la riduzione
della gittata cardiaca. L’aumento della pressione media atriale destra, >10 mmHg, determina uno
stato congestizio passivo nel sistema venoso sistemico, con vene del collo turgide, ingrandimento
del fegato e della milza. Al contrario dell’atrio sinistro, l’atrio destro si dilata precocemente per la
relativamente scarsa muscolatura.
Sintomatologia
La ridotta portata cardiaca determina affaticabilità, dispnea da sforzo e astenia.
L’aumento della pressione venosa sistemica causa turgore delle vv. giugulari, epatomegalia, ascite
ed edema periferico.
Esame Obiettivo
All’ispezione e palpazione si rilevano turgore delle vene giugulari, epatomegalia, ascite ed edema
periferico.
All’auscultazione soffio diastolico-presistolico lungo il margine sternale dx a livello del IV-V
spazio intercostale, che aumenta d’intensità alla fine di una inspirazione (segno di Carvallo) e I tono
d’intensità aumentata.
Test diagnostici
Elettrocardiogramma: onde P alte (> 0.25 mV) in D2 e V1, segno di sovraccarico atriale destro.
Rx torace: prominenza del profilo cardiaco destro (dilatazione dell’atrio destro)
Ecocardiogramma: la valvola tricuspide è di difficile identificazione; si possono rilevare lembi
valvolari ispessiti, con mobilità ridotta e aspetto “a cupola” in fase di apertura; Atrio dx dilatato e
ventricolo dx di dimensioni normali.
Cateterismo cardiaco: gradiente pressorio diastolico tra atrio e ventricolo dx (normale £ 1 mmHg).
Un gradiente di 2-3 mmHg è sufficiente per porre diagnosi di stenosi tricuspidale.
Trattamento
TERAPIA MEDICA:
profilassi antibiotica dell’endocardite batterica. I diuretici attenuano i sintomi
secondari all’eccessiva ritenzione idrica.
TERAPIA CHIRURGICA


INSUFFICIENZA TRICUSPIDALE


E’ caratterizzata dal rigurgito di sangue dal ventricolo all’atrio destro, con sovraccarico di volume
delle due cavità, delle vene cave e dilatazione delle sezioni destre.
Raramente è un vizio isolato, mentre è spesso associato a vizio mitralico.
Eziologia
Si distinguono due tipi sostanzialmente diversi sia per eziologia che per quadro fisiopatologico:
FUNZIONALE O SECONDARIA: è più comune e trae origine da una dilatazione del ventricolo
destro, quasi sempre secondaria ad una ipertensione polmonare (primitiva o secondaria a
valvulopatia mitralica, DIV, cuore polmonare cronico)
ORGANICA O PRIMITIVA: può essere di natura congenita (anomalia di Ebstein) oppure acquisita.
In questi casi le eziologie più comuni sono: reumatica, ischemica, degenerativa, infettiva,
traumatica e sindrome carcinoide.
Fisiopatologia
Nel caso di insufficienza tricuspidale organica o primitiva, il quadro che si instaura
progressivamente è quello del sovraccarico di volume del ventricolo destro. Questa cavità cardiaca,
infatti, ad ogni diastole riceve il sangue refluo venoso, a cui si aggiunge la quantità di sangue
rigurgitato in atrio destro durante la sistole precedente. Abitualmente il vizio è ben tollerato e
l’evoluzione verso lo scompenso destro è lenta.
Nel caso di insufficienza tricuspidale funzionale o secondaria, il quadro è diverso poiché essa si
instaura in presenza di un preesistente sovraccarico ventricolare destro con dilatazione secondaria.
In questo caso la comparsa dell’insufficienza fa precipitare i segni di scompenso destro spesso
preesistenti.
Sintomatologia
La forma CRONICA si manifesta con tensione addominale (da epatomegalia ed ascite), edemi
declivi, turgore delle giugulari, dimagrimento, astenia.
La forma ACUTA è caratterizzata da epatomegalia dolorosa, edemi declivi, turgore delle giugulari,
dimagrimento, astenia.
Esame obiettivo
All’ispezione sono evidenti colorito cianotico subitterico ai pomelli e turgore delle giugulari.
Alla palpazione si rileva precordio pulsante.
All’auscultazione: soffio olosistolico ad alta frequenza in sede parasternale al IV spazio intercostale
dx (aumenta durante l’inspirazione e si riduce durante l’espirazione e la manovra di Valsalva).
Nella forma acuta il soffio è più corto e a tonalità più bassa. III tono aggiunto.
Test diagnostici

ELETTROCARDIOGRAMMA: frequente il riscontro di fibrillazione atriale; segni di
sovraccarico ventricolare destro
RX TORACE: cardiomegalia marcata, rominenza del secondo arco di dx, apice cardiaco spostato a
sin. al V spazio intercostale all’esterno dell’emiclaveare (dilatazione ventricolo dx)
ECOCARDIOGRAMMA: atrio e ventricolo dx dilatati,
CATETERISMO CARDIACO: necessario solo nei pazienti con indicazione chirurgica, per
visualizzare le coronarie
Trattamento
TERAPIA MEDICA: profilassi antibiotica dell’endocardite batterica. I vasodilatatori venosi e i
diuretici: riducono il pre-carico.
TERAPIA CHIRURGICA: Anuloplastica tricuspidale e, in casi molto selezionati, impianto di
protesi valvolare, preferibilmente biologica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato da: Dr. Mauro Di Marino

 


 

Altri articoli per Cardiochirurgia

07.07.2014

Protesi mitralica, impianto a cuore battente

Autore: Dr. Mauro Di Marino

12.12.2014

Due cuori artificiali per i bambini cardiopatici

Autore: Dr. Mauro Di Marino

30.01.2014

Sostituzione della valvola aortica

Autore: Dr. Mauro Di Marino

26.03.2015

Nuova bio-valvola cardiaca con tecnica mininvasiva

Autore: Dr. Mauro Di Marino

17.05.2013

Trattamento dell Coronarie

Autore: Dr. Mauro Di Marino

24.04.2014

Francia, morto il primo paziente col cuore artificiale autonomo

Autore: Dr. Mauro Di Marino

16.09.2013

Chirurgia dell'aorta toracica

Autore: Dr. Mauro Di Marino

21.03.2013

Il bypass coronarico

Autore: Dr. Mauro Di Marino

16.09.2013

La chirurgia della valvola mitrale

Autore: Dr. Mauro Di Marino

28.10.2013

Breve storia della cardiochirurgia...

Autore: Dr. Mauro Di Marino

 

 

 

 

 

 
titolo
title
img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

 

close

 

 

title

 

17.05.2018

fibrillazione atriale

Esperto: Dr.Stefano Benussi

 

12.04.2018

Morte improvvisa familiare

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

05.04.2018

sindrome aritmogena su base genetica

Esperto: Dr.Mauro Biffi

 

29.03.2018

Utilizzo cardioaspirina

Esperto: Prof.Michele De Bonis

 

25.03.2018

mitralclip4

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Informativa sulla privacy